cerca

«Ho detto che ero italiano e mi sono salvato»

Chamberlain era nel ristorante quando ha sentito degli spari, ha riferito all'emittente britannica Sky News, che riporta la testimonianza nel suo sito internet. Un gruppo di uomini armati ha fatto irruzione nell'hotel e 30-40 persone sono state trascinate in cucina. Alcune persone, fra cui un cameriere, sono stati feriti da colpi d'arma da fuoco.
«Siamo stati costretti a camminare come pecore da un giovane con una mitraglietta, di circa 22-23 anni», che poi ha chiesto agli ostaggi chi di loro era britannico o americano. Secondo il racconto di Chamberlain, tra quelli interrogati, uno «è stato lasciato in pace dopo aver detto ai sequestratori di essere italiano». Chamberlain, che lavora per la Premier League di cricket, è riuscito a scappare quando l'uomo li ha portati al 18/mo piano dell'albergo. «Si sentiva sparare e c'era fumo dappertutto. Sono riuscito a svignarmela, assieme ad un'altra persona, attraverso un'uscita di sicurezza. Ho chiamato la mia ragazza e le ho detto che l'amavo pensando che fosse l'ultima volta che parlavo con qualcuno».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Il camion dell'Atac blocca il tram. I passeggeri lo spostano a spinta

Victoria's Secret 2017: gli angeli conquistano la Cina
Roma, un Suv impazzito sfonda il muretto e finisce in giardino
A Rio de Janeiro va in scena Miss Bum Bum Premio al sedere più bello

Opinioni