cerca

«La carta stampata non morirà mai, cambierà. Da quando ...

È stato un testimonial d'eccezione, Richard Parsons, il presidente del primo gruppo multimediale mondiale, Time Warner, ad accettare l'invito del presidente dell'Osservatorio Permanente Giovani - Editori Andrea Ceccherini per confrontarsi pubblicamente, a Firenze, con una delegazione di 270 studenti delle scuole secondarie superiori, in rappresentanza di quelli che in tutta Italia partecipano all'iniziativa «Il Quotidiano in Classe». «Per quello che riguarda il progetto Il Quotidiano in Classe - ha aggiunto Parsons - vi confesso è la seconda volta che vengo e accetto l'invito di Andrea Ceccherini, perché credo sia un'iniziativa molto importante che aiuta a leggere con occhio critico le cose che succedono nel mondo, in tempo reale. Negli Stati Uniti non abbiamo un progetto simile, con un numero così alto di studenti che vi partecipano». Ceccherini, dopo aver ringraziato Richard Parsons per aver condiviso la sfida dell'Osservatorio ha sottolineato il successo raggiunto dall'iniziativa.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Il camion dell'Atac blocca il tram. I passeggeri lo spostano a spinta

Victoria's Secret 2017: gli angeli conquistano la Cina
Roma, un Suv impazzito sfonda il muretto e finisce in giardino
A Rio de Janeiro va in scena Miss Bum Bum Premio al sedere più bello

Opinioni