cerca

Borsa, tonfo di Milano. Londra:<br/> 200 miliardi per salvare le banche

Borsa, tonfo di Milano. Londra:<br/> 200 miliardi per salvare le banche

Wall Street

A far tremare i mercati sono i rinnovati timori degli investitori, alla luce del nuovo tonfo di Tokyo (-9,3%), che la crisi del sistema bancario globale sia più profonda di quanto si pensi, tanto che l'Fmi è arrivato a stimare un terremoto complessivo da 1.400 miliardi, mentre il governo inglese è corso ai ripari del sistema bancario britannico con una manovra da 50 miliardi di sterline.


E così, mentre il mercato spera in un immediato taglio dei tassi da parte della Bce, a Milano UniCredit è tornata in contrattazione perdendo il 9%, mentre Unipol resta sospesa per eccesso di ribasso, insieme a Fastweb, Tenaris, Impregilo e Saipem.


Vendite a mani basse inoltre sugli altri titoli come Fiat (-6%), contagiata peraltro dall'ipotesi che indicano la necessità per Toyota di lanciare un allarme utili. Male anche Telecom (-6%), Parmalat (-4,5%) e il tandem composto da Eni (-4,3%) ed Enel (-3,5%)
 

Fornire sufficiente liquidità nel breve termine, mettere a disposizione degli istituti di credito edilizio nuovi capitali per ristrutturare la loro situazione finanziaria, assicurare al sistema i fondi per i prestiti a medio termine. Sono i tre capisaldi del piano di intervento del governo britannico sul sistema bancario. La Bank of England metterà a disposizione 200 miliardi di sterline. Le otto banche interessate dall'intervento si sono impegnate a aumentare il capitale per 25 miliardi complessivi.

Gli interventi previsti dal governo del regno unito interessano gli otto principali istituti di credito del paese: Abbey, Barclays, Hbos, Hsbc, Lloyds, Nationwide Building Society, Rbs e Standard Chartered. Per facilitare il processo di rafforzamento patrimoniale, il governo renderà disponibili ulteriori 25 miliardi ed è disponibile a intervenire in aumenti di capitale se ne sarà richiesta. Le otto banche si sono impegnate a concludere tale processo di rafforzamento entro la fine dell'anno. Inoltre il governo di Londra è pronto a fornire altri 25 miliardi di sterline per supportare tutte le istituzioni qualificate sotto forma di azioni privilegiate, pibs o in assistenza a programmi di «fund raising».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Il camion dell'Atac blocca il tram. I passeggeri lo spostano a spinta

Victoria's Secret 2017: gli angeli conquistano la Cina
Roma, un Suv impazzito sfonda il muretto e finisce in giardino
A Rio de Janeiro va in scena Miss Bum Bum Premio al sedere più bello

Opinioni