cerca

Nuovo round per la riforma dei contratti


Quello a cui si punta è la definizione di un tasso di inflazione «previsionale» diverso dalla programmata del governo, fissata per quest'anno a quello che i sindacati giudicano un irrealistico 1,7%, ma anche da quello misurata dall'Istat, schizzato a luglio e agosto oltre il 4%.
Confindustria sta preparando un suo documento sul problema, ma sullo sfondo rimane aperta l'ancora più delicata questione della definizione degli ambiti contrattuali, ovvero di quello nazionale e di quello aziendale, che dalla riforma dovrebbe uscire rafforzato rispetto all'attuale sistema. Non tutte le parti sono però sulla stessa linea: la Cgil punta in modo più deciso alla difesa del contratto nazionale. Confindustria, Cisl e Uil però premono sull'acceleratore per raggiungere un accordo entro la data stabilita, ovvero il 30 settembre, giusto in tempo per la Finanziaria.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Il camion dell'Atac blocca il tram. I passeggeri lo spostano a spinta

Victoria's Secret 2017: gli angeli conquistano la Cina
Roma, un Suv impazzito sfonda il muretto e finisce in giardino
A Rio de Janeiro va in scena Miss Bum Bum Premio al sedere più bello