cerca

Filippo Caleri f.caleri@iltempo.it Il ministro della ...

E che si faccia sul serio è dimostrato dai fatti. Ieri alla presentazione del piano appositamente predisposta per i sindacati la Cgil si è alzata dopo solo 15 minuti. Il coordinatore dei settori pubblici Michele Gentile ha denunciato in apertura dell'incontro «un grave errore di metodo, perché si è deciso di far partecipare un solo rappresentante per sigla, escludendo coloro che poi devono gestire il piano industriale. Fatto sta che invece di ascoltare il sindacato ha preso la fuga,
Ciò non ha impedito a Brunetta di illustrare quelle misure draconiane che garantirebbero, in un orizzonte temporale di medio periodo (3-5 anni) un risparmio di circa 40 miliardi di euro. Ma soprattutto, rilancerebbe la Pubblica amministrazione italiana, rendendola efficiente e in linea con gli standard di produttività dei partner europei. Non solo bastone però per gli statali. Il piano vuole riconoscere e premiare il merito e potenziare l'operato del personale delle amministrazioni pubbliche.
Prevista inoltre la ridefinizione dei diritti e doveri del dipendente pubblico, restituendo dignità e prestigio a questo ruolo e consentendo di sanzionare chi lo svilisce con un comportamento scorretto.
Parallelamente saranno incentivate la mobilità delle funzioni, la qualità, le sponsorizzazioni e il project financing. Tra le reazioni da segnalare quella della Confsal, il cui segretario Paolo Nigi ha detto: «Bene il programma del ministro Brunetta, ma vigileremo sui decreti attuativi».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Il camion dell'Atac blocca il tram. I passeggeri lo spostano a spinta

Victoria's Secret 2017: gli angeli conquistano la Cina
Roma, un Suv impazzito sfonda il muretto e finisce in giardino
A Rio de Janeiro va in scena Miss Bum Bum Premio al sedere più bello