cerca

Bear Stearns

a rischio Opa dopo il crollo

L'amministratore delegato di JP Morgan, Jamie Dimon, potrebbe essere interessato all'acquisizione della sola divisione di Bear Stearns che opera nel «prime prokerage», quella cioè che consiste nel fornire leva finanziaria e supporto operativo ai fondi speculativi. Un'altra ipotesi per il futuro di Bear Stearns è una maxi-iniezione di capitali freschi da aprte di un fondo sovrano, come già accaduto ad altre banche statunitensi come Citigroup. Secondo il Daily Telegraph il numero uno di Bear Stearns, Alan Schwartz, sta lavorando con l'advisor Lazard per trovare un potenziale investitore fra diversi fondi sovrani.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro

Choc a Roma: si lancia dal tetto, i poliziotti lo afferrano per le caviglie
Isola dei Famosi hot, la Marcuzzi si lancia su De Martino e resta nuda
Raikkonen spezza una gamba al meccanico della Ferrari