cerca

Bear Stearns

a rischio Opa dopo il crollo

L'amministratore delegato di JP Morgan, Jamie Dimon, potrebbe essere interessato all'acquisizione della sola divisione di Bear Stearns che opera nel «prime prokerage», quella cioè che consiste nel fornire leva finanziaria e supporto operativo ai fondi speculativi. Un'altra ipotesi per il futuro di Bear Stearns è una maxi-iniezione di capitali freschi da aprte di un fondo sovrano, come già accaduto ad altre banche statunitensi come Citigroup. Secondo il Daily Telegraph il numero uno di Bear Stearns, Alan Schwartz, sta lavorando con l'advisor Lazard per trovare un potenziale investitore fra diversi fondi sovrani.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Il camion dell'Atac blocca il tram. I passeggeri lo spostano a spinta

Victoria's Secret 2017: gli angeli conquistano la Cina
Roma, un Suv impazzito sfonda il muretto e finisce in giardino
A Rio de Janeiro va in scena Miss Bum Bum Premio al sedere più bello