cerca

«Stop alla vigilanza del Tesoro sulle Fondazioni»


Ad avanzare la richiesta è il presidente dell'ente, Emmanuele Emanuele, che, nel corso del convegno «Libere di crescere, libere di cambiare. Le fondazioni bancarie alla sfida del futuro», ha precisato provocatoriamente di «mandare ogni anno il bilancio alla Prefettura, unico organo che abbia titolo per vigilare su una fondazione privata, e in secondo luogo come informativa al ministero, aggiungendo sempre però di non essere tenuto a farlo». La legge Ciampi del 1999, ha spiegato, attribuisce infatti al Tesoro il compito di vigilare sulle Fondazioni solo finchè esse abbiano partecipazioni in società bancarie. Emanuele ha sottolineato ancora la volontà della Fondazione Roma di perseguire intenti diversi dalle altre Fondazioni che hanno ancora importanti partecipazioni bancarie. Al dibattito, moderato da Giuseppe De Filippi, hanno partecipato i giuristi Beniamino Caravita di Toritto (Università La Sapienza), Vincenzo Carbone (primo presidente di Corte di Cassazione), Angelo Clarizia (università di Tor Vergata), Antonio Tizzano (giudice della Corte di Giustizia Ue) e Victor Uckmar (università di Genova) che hanno avvalorato la tesi di Emanuele. Così come l'ex ministro Franco Bassanini.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Il camion dell'Atac blocca il tram. I passeggeri lo spostano a spinta

Victoria's Secret 2017: gli angeli conquistano la Cina
Roma, un Suv impazzito sfonda il muretto e finisce in giardino
A Rio de Janeiro va in scena Miss Bum Bum Premio al sedere più bello