cerca

La bandiera dell'Eni continuerà a sventolare sul giacimento ...

L'Eni resterà, dunque, il capo progetto operativo del consorzio internazionale a cui partecipano oltre al gruppo italiano (attualmente al 18,52%), la kazaka KazMunayGas (8,33%) ExxonMobil (18,52%), Shell (18,52%), Total (18,52%), ConocoPhillips (9,26%) e la giapponese Inpex (8,33%). Secondo quanto risulta a Il Tempo il governo kazako avrebbe accettato una compensazione per i ritardi nell'avvio dell'estrazione. Una cifra comunque ben al di sotto dei sette miliardi di dollari richiesti dalle autorità di Astana. A far sbloccare lo stallo in cui il dossier si era arenato sarebbe stata la condizione di una riduzione delle quote di partecipazione nel consorzio, da parte degli operatori occidentali, a vantaggio di un incremento dei kazaki. Tutti d'accordo sulla diminuzione tranne la Exxon che avrebbe, però, già avviato colloqui per condizionare il suo via libera a altri accordi di sfruttamento di risorse con Astana.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Il camion dell'Atac blocca il tram. I passeggeri lo spostano a spinta

Victoria's Secret 2017: gli angeli conquistano la Cina
Roma, un Suv impazzito sfonda il muretto e finisce in giardino
A Rio de Janeiro va in scena Miss Bum Bum Premio al sedere più bello