cerca

Alitalia, Passera

gioca la carta dell'«italianità»


«L'eventuale passaggio di Alitalia nell'orbita di Air France vorrebbe dire far diventare la compagnia italiana la filiale di un gruppo concorrente. È una scelta rinunciataria: è come dire l'abbiamo gestita male per tanti anni, adesso buttiamola via» ha detto Passera. Parole che hanno generato la replica immediata del gruppo franco-olandese: «Sono convinto che con il talento creativo e l'esperienza italiana, Alitalia porterà il gruppo a compiere un nuovo passo nella sua storia», ha affermato Jean-Cyril Spinetta, presidente e ceo di Air France-Klm.
«Il piano - ha aggiunto - consentirà ad Alitalia il ritorno alla redditività ed alla crescita e il rafforzamento quale vettore nazionale».
Anche la politica non è rimasta alla finestra nella contesa.
La Lega si è schierata a favore della soluzione italiana: «La Lega è contraria alla svendita di Alitalia ad Air France, perché sarebbe la fine per Malpensa e un grave danno per l'economia lombarda e padana» ha spiegato il capogruppo della Lega alla Camera, Roberto Maroni.
Di diverso tenore il commento dell'Udc, «le parole dell'ad di Intesa SanPaolo, Passera, somigliano più a quelle di un portavoce del presidente del Consiglio che a quelle di un concorrente» ha affermato il capogruppo Udc alla Camera, Luca Volontè. La polemica non ha in ogni caso giovato al titolo in Borsa. Ieri è stato quello che ha chiuso con il maggior ribasso: -1,07% a 0,857 euro. Anche i sindacati sono andati in pressing. Cgil, Cisl e Uil hanno chiesto un incontro urgente con il governo. AirOne che li ha convocati per stamattina per illustrare il suo piano industriale per Alitalia.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Il camion dell'Atac blocca il tram. I passeggeri lo spostano a spinta

Victoria's Secret 2017: gli angeli conquistano la Cina
Roma, un Suv impazzito sfonda il muretto e finisce in giardino
A Rio de Janeiro va in scena Miss Bum Bum Premio al sedere più bello