cerca

Moretti Polegato: «Il mini dollaro è un'opportunità»

Il modello di business seguito dalla Geox di Mario Moretti Polegato ne è un esempio.
Come valuta gli effetti di un euro forte e la politica monetaria della Bce?
«Le aziende europee sono costrette a operare nell'incertezza perché i competitor americani riescono a vendere i prodotti sotto costo e anche la politica della Bce non aiuta. Però ci sono anche molti vantaggi».
In che senso?
«Mi riferisco alle imprese manifatturiere, delle costruzioni o che trattano materie prime. Riescono a comprare e costruire a prezzi stracciati».
Quanto durerà la debolezza del dollaro?
«Difficile prevederlo. Se da un lato l'Italia riesce a contenere il costo del petrolio e dell'energia, dall'altro è una fase temporanea. Ricordo quando con la lira vivevamo la situazione opposta in termini di cambio».
Qual è l'antidoto per ridare slancio all'economia italiana?
«Una sola ricetta: innovazione. Bisogna creare prodotti nuovi, puntare sulla qualità, il design e la ricerca per non subire gli effetti di una congiuntura sfavorevole. Insomma, valorizzare i giovani».
Geox ha fatto la sua fortuna anche grazie ai brevetti.
«Certo. Quando collocammo la società in borsa valeva 1,1 miliardi di euro. Abbiamo lavorato sulle proprietà intellettuali, investito sulle università e sulla creatività dei giovani. Adesso Geox vale 4,2 miliardi».
Punterete sul mercato degli Stati Uniti come stanno facendo altre aziende del calibro di Luxottica, Brembo, Campari, Risanamento e Socotherm?
«Il nostro export è cresciuto dell'80% negli ultimi nove mesi e gli Stati Uniti rappresentano appena il 3% del nostro fatturato. Ma dopo Italia ed Europa sarà la nostra prossima conquista».
È favorevole alla delocalizzazione?
«Solo in parte. Certo, l'incidenza della mano d'opera è del 60% in Italia e non servono leggi speciali. Il dibattito sul Welfare è male impostato. Bisogna favorire la cultura di impresa».
Lei è anche console onorifico della Romania. Qual è la sua analisi sulla sicurezza e sul fenomeno della immigrazione clandestina?
«La Romania deve dare atto al nostro Paese degli investimenti fatti e della collaborazione ricevuta. Adesso con l'ingresso in Europa la situazione si sta stabilizzando ma credo che il benessere arrivi solamente da una rivoluzione economica».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Il camion dell'Atac blocca il tram. I passeggeri lo spostano a spinta

Victoria's Secret 2017: gli angeli conquistano la Cina
Roma, un Suv impazzito sfonda il muretto e finisce in giardino
A Rio de Janeiro va in scena Miss Bum Bum Premio al sedere più bello