cerca

Armatori navali in allarme:

«Troppo vecchi i porti italiani»

Ma le autorità portuali che vogliono adeguare le darsene all'aumento del traffico marittimo trovano mille ostacoli nel progettare e portare a termine tali opere. Di questo si è discusso ad Atene nel corso dell'11ma convention euromediterranea del gruppo Grimaldi di Napoli che è alla ricerca disperata di porti per far lavorare a pieno regime una flotta di 100 navi (altre 32 saranno pronte entro il 2011) alcune delle quali coprono 13 servizi di linea. A lanciare l'allarme sulla crisi degli attracchi in Italia è Silvio Di Virgilio, direttore generale dei trasporti marittimi del ministero dei Trasporti. L'alto funzionario mette sotto accusa i cavilli ambientalistici che bloccano la realizzazione di nuove darsene. «Noi armatori da tempo stiamo facendo la nostra parte - ci dice Manuel Grimaldi, ad della compagnia napoletana - ma la questione della carenza di infrastrutture va affrontata e risolta in breve tempo».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Il camion dell'Atac blocca il tram. I passeggeri lo spostano a spinta

Victoria's Secret 2017: gli angeli conquistano la Cina
Roma, un Suv impazzito sfonda il muretto e finisce in giardino
A Rio de Janeiro va in scena Miss Bum Bum Premio al sedere più bello