cerca

«Under 30 indietro per colpa del '68»

Rubbettino). «L'idea di base è quelle secondo la quale ventenni e trentenni oggi pagano le conseguenze del '68. Che mentre in Europa ha liberato energie e creato società orizzontali, in Italia ha trasformato la società in una massa di uguali che non tiene conto del merito e delle competenze individuali». Un scelta i cui effetti si vedono oggi nelle scuole e nel lavoro. «Gli allievi nelle università italiane sono tutti uguali. Nel pubblico impiego l'unico criterio di avanzamento è l'anzianità e le retribuzioni, in generale, non premiano la maggiore formazione». Delzìo non considera comunque il precariato la causa di tutti i mali dei giovani: «La sensazione di insicurezza deriva dal fatto che si è spinto sulla flessibilità del mercato del lavoro senza mettere l'accento sulla flessibilità positiva». A mancare secondo il direttore dei giovani imprenditori di Viale dell'Astronomia è la possibilità per un giovane precario di ottenere un mutuo per aprire un'impresa o una casa e ancora di pagarsi un master di alta formazione. «La colpa di questo sistema di cose è da rinvenirsi soprattutto nella mancanza di concorrenza nei servizi a rete come il credito, i trasporti pubblici, il gas e elettricità» conclude Delzìo.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Il camion dell'Atac blocca il tram. I passeggeri lo spostano a spinta

Victoria's Secret 2017: gli angeli conquistano la Cina
Roma, un Suv impazzito sfonda il muretto e finisce in giardino
A Rio de Janeiro va in scena Miss Bum Bum Premio al sedere più bello

Opinioni