cerca

Ocse, la salute costa più del pil

Lo sottolinea il rapporto «Health Data 2003», che fa un'analisi comparata nei 30 paesi industrializzati che fanno parte dell'organizzazione internazionale, rilevando come siano il caro-medicinali e la diffusione delle tecnologie moderne a far lievitare la fattura sanitaria.
Secondo gli ultimi dati disponibili, nel 2001 appunto i paesi industrializzati hanno speso in media lo 0,3% in più rispetto all'anno prima, con le punte massime che vanno dal 13,9% degli Usa e al 10,9% della Svizzera a quelle minime del 6,6% della Polonia e 5,7% della Slovacchia. L'Italia ha speso esattamente come la media Ocse, l'8,4%, lo 0,2% in più dell'anno prima.
Negli ultimi 10 anni (1990-2001) le spese mediche sono aumentate nei paesi dell'Ocse del 3,4% contro una crescita del PIL del 2,1%. In questo periodo in Italia la sanità ha registrato una progressione dell'1,9% mentre l'economia ha viaggiato alla media annua dell'1,4%. I soli paesi dove la crescita del PIL è stata superiore all'incremento delle spese sanitaria sono la Finlandia (0,5 a 1,6%), l'Ungheria (2,1 a 2,6%) e il Lussemburgo (3 a 3,9%).
Nel 2001 sono aumentate maggiormente le spese sanitarie pubbliche, con un incremento del 5,8% contro il 4,8% del settore privato. Il settore pubblico si è attestato nell'Ocse a 72% del totale, con una media che comprende il 44% degli Usa e l'88% dei paesi scandinavi.
Secondo il rapporto , il forte aumento delle spese dei medicinali è una delle principali cause della progressione dei bilanci sanitari della maggior parte dei paesi dell'Ocse.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Il camion dell'Atac blocca il tram. I passeggeri lo spostano a spinta

Victoria's Secret 2017: gli angeli conquistano la Cina
Roma, un Suv impazzito sfonda il muretto e finisce in giardino
A Rio de Janeiro va in scena Miss Bum Bum Premio al sedere più bello

Opinioni