cerca

Aeroporti Roma, diminuisce il gradimento

Scatta l'operazione qualità. Nel mirino i ritardi dei voli. Romiti chiede l'avvio di sanzioni

In base al rilevamento fatto da AC Nielsen lo scalo romano è arretrato al nono posto nella classifica degli aeroporti europei.
Tanto è bastato per mettere in allarme i vertici di Adr che hanno lanciato un'operazione di qualità basata sul costante monitoraggio dei servizi forniti dallo scalo. Questi però sono per la maggior parte svolti da altre società sulle quali Aeroporti di Roma ha poteri quasi nulli. Cioè può far presente alcuni disservizi e sollecitare l'aumento degli standard di qualità ma non ha potere sanzionatorio. È questo il quadro delineato dai vertici della società, l'amministratore delegato Pier Giorgio Romiti e il direttore generale Enrico Casini. Romiti ha sottolineato che Adr «è priva di poteri adeguati al ruolo di coordinamento che svolge, non ha strumenti per far valere l'eventuale responsabilità da inadempimento dei soggetti terzi in caso di disservizi, malfunzionamenti o mancato rispetto dei parametri di qualità contenuti nella Carta dei Servizi». La proposta è quindi quella di adottare un nuovo strumento di controllo e di introdurre delle sanzioni. «Gli introiti derivanti dal pagamento delle sanzioni - ha spiegato Romiti - andrebbero in un fondo gestito dagli operatori aeroportuali e potrebbero essere utilizzati per attuare miglioramenti a beneficio dei passeggeri e di tutti gli operatori dello scalo».
La rilevazione sui ritardi dei voli, evidenzia un peggioramento (24,1% nel 2002 a 26,8% nel 2003) per i ritardi oltre un quarto d'ora all'arrivo, mentre sono in miglioramento i ritardi oltre 15 minuti in partenza e i recuperi dei tempi di transito (da -2,9% a +2,2). «Le cause sono numerose» ha detto Romiti mentre Casini ha rinviato al mittente l'accusa di Alitalia che ha attribuito il ritardo dei voli ai lavori di manutenzione della terza pista. «A lavori finiti non è cambiato molto». I ritardi dei voli vanno attribuiti per il 22% ai vettori, per il 6-7% alle operazioni di sicurezza, fino al 32% al controllo del traffico.
Quanto al servizio di consegna dei bagagli a maggio e giugno 2003, secondo la rilevazione, c'è stato un miglioramento. Quasi nel 90% dei casi la consegna avviene entro 26 minuti per il primo bagaglio, ed entro 34 minuti per l'ultima valigia.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Il camion dell'Atac blocca il tram. I passeggeri lo spostano a spinta

Victoria's Secret 2017: gli angeli conquistano la Cina
Roma, un Suv impazzito sfonda il muretto e finisce in giardino
A Rio de Janeiro va in scena Miss Bum Bum Premio al sedere più bello