cerca

Morchio chiede sacrifici anche ai colletti bianchi

Al momento nessun a Torino usa la parola tagli ma da quanto è filtrato, il piano industriale che l'amministratore delegato Morchio presenterà a breve, entro la fine di giugno, potrebbe contenere un capitolo dedicato agli impiegati e ai quadri del gruppo. L'obiettivo, sempre secondo indiscrezioni raccolte da Radiocor, sarebbe di snellire al massimo la burocrazia e aumentare la produttività.
Il piano industriale pertanto non sarebbe concentrato solo sull'auto ma coinvolgerebbe anche altri settori con l'intento di arrivare a risparmiare 800 milioni.
Tre le aree in cui si dovrebbe concentrare l'azione di tagli: vincoli di progettazione, organizzazione amministrativa, rete di vendita in particolare all'estero. L'azienda, interpellata, non ha commentato le indiscrezioni e si è limitata a sottolineare come «la stesura del piano di Morchio sia ancora in corso e nulla è ancora definito».
Il piano non dovrebbe avere un impatto sociale pesante. Non sono previste chiusure di stabilimenti e, per quanto riguarda gli occupati, «non si prevedono lacrime e sangue». Per i colletti bianchi, i risparmi dovrebbero concretizzarsi soprattutto «in una focalizzazione delle attività per ottenere un recupero di efficienza, snellendo gli eccessi di burocrazia» presenti nell'organizzazione del gruppo.
I risparmi più incisivi dovrebbero essere ottenuti grazie alla nuova concezione progettistica che Morchio ha intenzione di introdurre. L'idea è di vincolare i progettisti Fiat a ridurre al minimo il numero di componenti originali per ciascun veicolo. «Solo le parti che realmente caratterizzano un veicolo per il consumatore potranno essere diverse, mentre le altre parti, viti e bulloni - semplifica la fonte - dovranno essere il più possibile condivise, dal trattore alla seicento».
Infine la rete di vendita. Sono previsti «interventi seri soprattutto su quella estera»: si procederà ad una razionalizzazione «selezionando solo rivenditori che siano realmente rappresentativi in ciascun paese». L'obiettivo è quello di fare delle automobili fiat fiat «un prodotto di rappresentanza».
A quanto si sa, morchio non ha ancora fissato la data della presentazione del piano: «intorno al 30 giugno» continuano a dire diverse fonti interpellate.
Nel frattempo, oltre che al piano, Morchio pensa anche curare i rapporti con Gm, in particolare in brasile dove le due case automobilistiche stanno collaborando per mettere in comune le rispettive piattaforme.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Il camion dell'Atac blocca il tram. I passeggeri lo spostano a spinta

Victoria's Secret 2017: gli angeli conquistano la Cina
Roma, un Suv impazzito sfonda il muretto e finisce in giardino
A Rio de Janeiro va in scena Miss Bum Bum Premio al sedere più bello