cerca

FRA AZIENDA E SINDACATI

Uffici postali chiusi, guerra delle cifre

Ma dulla serrata si è scatenata la consueta guerra delle cifre. Secondo i sindacati, l'adesione allo sciopero dei 160 mila lavoratori del gruppo a sostegno della vertenza contrattuale è stata eccezionale, superiore all'80%, con punte anche del 95%. Per l'azienda, invece, non solo ad incrociare le braccia è stato solo poco più del 50% del personale, ma ben 4 mila uffici, su un totale di 14 mila, sono rimasti aperti. Pertanto, sostengono le Poste, è stato possibile garantire prestazioni superiori a quelle previste per i servizi essenziali (obbligatorie in caso di sciopero sono l'accettazione delle raccomandazioni e delle assicurate e l'accettazione e trasmissione di telegrammi e telefax).
Ad aumentare i disag è stata la scedenza del termine per il pagamento del condono, con il risultato di code nei concessionari della riscossione e in banca. Nelle grandi città sono stati garantiti solo i servizi minimi, mentre il pagamento delle pensioni in molti casi era stato anticipato a giovedì. Lo sciopero è stato indetto dalle sigle sindacali del settore: oltre alle organizzazioni di categoria di Cgil, Cisl e Uil, anche le federazioni della Cisal, della Confsal e dell'Ugl. Tutte e sei chiedono il rinnovo del contratto e lamentano la mancanza di un piano d'impresa approvato dal governo «per dare all'azienda una strategia credibile». In occasione dello sciopero, si sono svolte manifestazioni in tutti capoluoghi di regione.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500