cerca

Eurolandia, il caro-prezzi rallenta la corsa

Gli unici Paesi in cui è cresciuto sono l'Italia (+ 0,8% su base mensile) e il Lussemburgo

Ad aprile è stata infatti del 2,1% rispetto al 2,4% registrato a marzo e a febbraio. Lo ha reso noto Eurostat. La variazione congiunturale, rispetto al marzo scorso, è stata di +0,1%. Per quanto riguarda l'Italia, l'Ufficio statistico dell'Ue riporta l'indice armonizzato per i prezzi al consumo, salito del 3% su base annua e dello 0,8% su quella mensile.
I dati italiani relativi all'indice armonizzato europeo Ipca o Hicp sono gli stessi contenuti nel comunicato Istat di ieri (che per l'intera collettività - indice Nic - riporta 2,7%). Nell'aprile di un anno fa il tasso di aumento dei prezzi nella zona dell'euro era stato del 2,3%. L'inflazione nell'intera Ue, annuncia ancora Eurostat, è scesa il mese scorso all'1,9% rispetto al 2,3% di marzo ed è rimasta invariata a livello congiunturale (un anno fa era al 2,1%).
Ad aprile i più consistenti aumenti tendenziali sono stati registrati in Irlanda (4,6%) e Portogallo (3,7%), mentre i più bassi in Germania (1,0%) e Austria (1,2%). Su base congiunturale, rispetto al marzo 2003, l'inflazione è scesa in 13 Paesi ed «è cresciuta solo in Italia», sottolinea l'Ufficio statistico dell'Ue. Su base annua gli aumenti relativi più notevoli sono stati quelli di Lussemburgo (da 1,9% a 3,0%) e Italia (da 2,5% a 3,0%). I prezzi degli alimentari sono aumentati su base tendenziale dell'1,6%.
Per quanto riguarda i prezzi al consumo, ad aprile hanno registrato un aumento dello 0,2% rispetto a marzo e del 2,7% su base annua rispetto all'aprile 2002. Gli aumenti congiunturali più significativi si sono verificati nei settori bevande alcoliche e tabacchi (+5,5% e +9,1% tendenziale) ed abbigliamento e calzature (+3,4% e +3,1% su aprile 2002); tra gli aumenti su base tendenziale più rilevanti quelli nel capitolo abitazione, acqua, elettricità e combustibili (+4,2%).
Variazioni tendenziali negative si sono invece avute nei capitoli servizi sanitari e spese per la salute e comunicazioni (ambedue -0,6%). Anche rispetto al mese precedente, gli aumenti più consistenti hanno riguardato le bevande alcoliche ed i tabacchi (+5,5%) e la voce abitazione, acqua, elettricità e combustibili (+0,5%). Sul fronte dell'indice nazionale dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati gli incrementi tendenziali più marcati riguardano nuovamente gli alcolici e i tabacchi (+5,5%) e la voce abitazione, acqua elettricità e combustibili (+0,5%).
Diversi i dati forniti dall'Osservatorio Prezzi della Lega Consumatori. Nell'ultima rilevazione trimestrale è emerso che in aprile i prezzi sono scesi dell'1,13%, a fronte di una tendenza all'aumento registrata sia in febbraio che in marzo, mese durante il quale Roma è risultata la città più cara (+1,7%).
Intanto, il segretario confederale della Cgil, Marigia Maulucci, sostiene che l'Italia ha un'inflazione reale (2,7% ad aprile) doppia rispetto a quella programmata e comunque molto più alta della media europea grazie alle politiche del governo.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Incidente in fabbrica, un fiume di succo di frutta invade la città

Agguato nella bisca del domino, lo colpiscono con un'ascia ma rimane illeso. Poi la rissa
Belen, show nuda nella vasca. E il web impazzisce
Lei è la sindaca? La Merkel snobba Virginia Raggi