cerca

A POCHI giorni dal 16 maggio 2003, termine ultimo per il versamento delle somme dovute ai fini del dell'integrativa ...


Il condono tombale
E' l'unica sanatoria che garantisce una copertura totale sia di carattere tributario che penale con un costo che varia in relazione alla situazione fiscale di ciascun contribuente. In particolare, coloro che sono risultati congrui e coerenti da studi di settore possono sanare le annualità dal 1997 al 2001 versando, per ciascun anno, un importo pari ad ? 500, ovvero ? 700 per quelli che sono risultati congrui ma non coerenti da studi, per un costo complessivo, per i 5 anni, rispettivamente di ? 2.500 e ? 3.500.
Il tombale, a differenza del concordato, offre la possibilità di definire separatamente le imposte dirette ed assimilate dall'imposta sul valore aggiunto ma deve interessare necessariamente tutti i periodi d'imposta. Tale sanatoria consente anche la regolarizzazione delle scritture contabili.
Il Concordato
E' previsto solo per i titolari di reddito d'impresa e di lavoro autonomo che hanno dichiarato ricavi o compensi di ammontare non superiore ad ? 5.164.569. Tale sanatoria può essere applicata per una o più annualità ma, a differenza del tombale, non offre alcuna copertura di carattere penale.
E' proprio la flessibilità l'elemento che rende questa sanatoria di particolare interesse perché consente, ad esempio, a quei contribuenti congrui per alcuni anni e non per altri di non essere costretti a sanare anche gli anni per i quali non sì è risultati congrui contenendo, così, l'onere complessivo della sanatoria.
Uno dei vantaggi di questa sanatoria e del condono tombale, consiste nel fatto che la definizione da parte di società di persone e soggetti assimilati congrui e coerenti ovvero congrui e non coerenti (con definizione mediante versamento a forfait) estende gli effetti sui soggetti partecipanti, sia pur limitatamente al reddito di partecipazione definito.
L'integrativa semplice
Rappresenta la forma di sanatoria più flessibile in quanto consente piena libertà nella scelta delle annualità e delle imposte da integrare; è l'unica sanatoria, inoltre, che permette l'integrazione delle ritenute, da parte dei sostituti d'imposta, la definizione dei redditi soggetti a tassazione separata nonché quelli conseguiti all'estero.
Tale sanatoria consente, inoltre, la regolarizzazione delle scritture contabili e produce effetti sia di carattere tributario che penale anche se nei limiti della franchigia.
Quale sanatoria scegliere?
Premesso che non si può stabilire, in assoluto, quale sia la sanatoria migliore, in quanto un calcolo di convenienza può essere fatto soltanto considerando le specificità dei contribuenti, nonché le caratteristiche ed esigenze di ciascuno di essi, cerchiamo fornire alcuni suggerimenti circa la scelta che possa ottimizzare il rapporto costi - benefici.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Opinioni