cerca

Due mesi di fuoco per i contribuenti 730, Unico e Ici

A giugno scatta poi l'appuntamento con l'Ici. 730: i contribuenti che possono presentare il modello facile e non si sono rivolti al proprio datore di lavoro entro il 30 aprile possono ricorrere ai Caf (Centri assistenza fiscale) per tutto il mese di maggio e fino al 16 giugno. Il conguaglio va effettuato da luglio, agosto-settembre per i pensionati.
Nel caso in cui il contribuente si accorga di non aver fornito tutti gli elementi necessari per la dichiarazione può presentare entro il 31 ottobre un modello 730 integrativo. Altrimenti potrà presentare il modello Unico 2003, sempre in caso di minor debito o maggiore credito, utilizzando la differenza a credito e richiedendone il rimborso. I contribuenti che possono presentare la dichiarazione attraverso il 730 sono quelli che hanno solo redditi di lavoro dipendente o di pensione corrisposti da un unico sostituto d'imposta obbligato a effettuare le ritenute d'acconto.
Unico: Chi presenta il modello a banche e poste avrà tempo fino al 31 luglio mentre chi usa internet fino al 31 ottobre. Per i versamenti relativi al modello Unico la data di scadenza è il 20 giugno che però può essere prolungata fino al 21 luglio pagando una maggiorazione dello 0,4%. Sono obbligati alla presentazione del modello tutti i contribuenti che devono presentare almeno due delle seguenti dichiarazioni: dei redditi, l'Iva, l'Irap e i sostituti d'imposta e intermediari se scelgono di comprenderlo nella dichiarazione unificata. Tra le novità rispetto all'anno scorso l'aumento degli sgravi per i figli disabili la detraibilità delle spese sostenute per servizi ai sordomuti.
Condoni: l'operazione condoni, già rinviata due volte, dovrebbe concludersi il 16 maggio. Per il concordato per gli anni pregressi invece la scadenza si protrae fino al 20 giugno, mentre per lo scudo fiscale ci si mette in regola pagando il 2,5% entro il 16 maggio e il 4% tra il 17 maggio e il 30 giugno. Per il condono tombale entro il 16 maggio deve essere effetuato il versamento delle somme dovute o della prima rata, nel caso in cui sia consentita la rateazione. Entro il 16 giugno va presentata la dichiarazione ordinaria in via telematica, in alternativa alle banche la dichiarazione riservata. Per la dichiarazione integrativa c'è tempo fino al 16 maggio per il pagamento dei maggiori importi dovuti o della prima rata e la presentazione alle banche convenzionate della dichiarazione riservata mentre entro il 16 giugno dovrà essere inviata al comunicazione ai soci dell'avvenuta presentazione e, entro il 16 ottobre, l'adesione dei soci.
Il versamento, nel caso delle liti pendenti, dovrà essere effettuato entro il 16 maggio, per la presentazione della domanda di definizione si potrà aspettare fino al 21 maggio. Quanto invece al concordato per gli anni pregressi entro il 20 giugno dovranno essere versate le somme dovute o la prima rata. La comunicazione ai soci dovrà essere fatta entro il 20 luglio, metre si potrà aspettare fino al 31 luglio per presentare la comunicazione relativa alla sanatoria. I soci hanno tempo fino al 16 settembre per aderire ed entro il 31 ottobre ci dovrà essere la comunicazione da parte dei soci dell'avvenuta definizione.
ICI: dal primo giugno e per tutto il mese si paga la prima rata dell'imposta comunale. L'acconto deve essere pari al 50% di quanto versato l'anno precedente se negli immobili posseduti non ci sono stati cambiamenti. Il calcolo effettivo dell'imposta da versare tenendo conto delle eventuali novità introdotte dal comune va fatto a dicembre al momento di versare il saldo.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500