cerca

Ad aprile 13.500 milioni Conti pubblici, rinvio del condono fa salire il fabbisogno

Il quarto mese dell'anno si chiude così con un fabbisogno di 13.500 milioni di euro contro i 6.500 milioni di aprile 2002.
La differenza rispetto ad un anno fa - spiegano i tecnici del ministero dell'Economia - è dovuta a due cause: un' operazione finanziaria (assorbita durante l'anno) da 4.000 milioni realizzata nell'aprile 2002 e il rinvio il mese scorso dei termini del condono fiscale con conseguente slittamento, da aprile a maggio, del relativo maxi-versamento. Spalmato sui primi quattro mesi dell'anno il fabbisogno del settore statale è ammontato a circa 33.085 milioni di euro, contro i 27.358 dello stesso periodo dell'anno scorso. In particolare, la realizzazione, nell'aprile 2002, di un' operazione di smussamento inframensile per 4.000 milioni «non ha avuto influenza nè sui saldi di competenza nè sui saldi di cassa su base annua» e il «saldo del primo quadrimestre del 2003 rispetto a quello dell' analogo periodo del 2002, al netto della citata operazione, si riduce a circa 1.700 milioni di euro e risulta in linea con gli obiettivi».
Nessuna preoccupazione in ogni caso da parte del Tesoro, secondo cui i dati risultano «in linea con l'obiettivo annuo del fabbisogno di cassa del settore statale».
In particolare, i tecnici ricordano come il governo nel rinviare la data di scadenza per il condono fiscale aveva già previsto che ad aprile si sarebbe creato uno sfasamento temporale destinato a rientrare. Mancano due settimane esatte, week end inclusi, per aderire ai condoni e, anche se sono molte le sollecitazioni per una ulteriore proroga dei termini, l'Agenzia delle Entrate propone intanto sulla sua webzine Fiscooggi una pratica guida per fare definitivamente «Pace con il Fisco».
Si tratta di 31 pagine in tutto nelle quali si ricorda appunto che il prossimo 16 maggio scade il termine per eseguire il versamento delle somme richieste (il 16 giugno è invece la data fissata per l'invio telematico della dichiarazione). Per il 'Tombalè, ad esempio, si ricorda che il pagamento della somma deve avvenire entro il 16 maggio, la trasmissione telematica della dichiarazione il 16 giugno mentre per versare la seconda e terza rata (per chi sceglie questa soluzione possibile solo per importi superiori a 3.000 euro per persone fisiche e 6.000 per gli altri soggetti) ci sarà tempo rispettivamente entro il primo dicembre 2003 e il 21 giugno 2004.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Opinioni