cerca

Poste, in attivo dopo 50 anni

Gasparri: è un risultato storico. In Borsa nella seconda metà del 2004

Anche il ministro delle Comunicazioni, Maurizio Gasparri ha parlato di «risultato storico», osservando anche come si tratti «di un vero risanamento e di una reale riorganizzazione aziendale», tanto più significativo in quanto «questo traguardo è stato raggiunto in soli quattro anni». Gasparri ha anche posto l'accento sul Bancoposta che da solo ha rappresentato il 44% dei ricavi della capogruppo: «La lusinghiera crescita del BancoPosta, che archivia il 2002 con un incremento del 12% sfiorando i 3 miliardi di euro di ricavi - ha detto il ministro - avvalora le mie affermazioni».
Il bilancio 2002 ha evidenziato, oltre all'utile di 22 milioni di euro, una crescita del 3% dei ricavi totali, a 7.804 milioni. È inoltre migliorata la gestione industriale, con il margine operativo lordo consolidato che è cresciuto del 38% (+225 milioni). Il mol di Poste spa è salito del 48% (+282 milioni). A proposito di BancoPosta, l'ad Sarmi ha sottolineato come «risulti il comparto che ha avuto il maggior sviluppo in questo scenario di consuntivo 2002 e stia promettendo una performance ancora migliore per il 2003».
Per quanto riguarda infatti i ricavi da mercato di Poste Italiane Spa, che hanno registrato nel 2002 una crescita del 4% sull'anno precedente, i servizi di BancoPosta hanno registrato un deciso incremento di circa 327 milioni di euro (+12,3%) e contribuiscono per il 44% al totale dei ricavi. La crescita di BancoPosta è prevalentemente attribuibile - ha spiegato la società - ai conti correnti e ai prodotti di investimento venduti attraverso gli sportelli postali (obbligazioni: raccolta nell'esercizio 2002 di 4,9 miliardi di euro; assicurazioni vita; raccolta per 3,1 miliardi di euro). I conti correnti BancoPosta retail hanno raggiunto al 31 dicembre 2002 quota 2.556.000 da 1.760.000 del pari periodo dell'anno precedente.
I ricavi dei servizi postali hanno invece registrato un calo dell'1,1% dovuto, come ha notato la società, alla generale contrazione del mercato a livello internazionale. I costi operativi della capogruppo si sono ridotti dell'1% rispetto al 2001, attestandosi a 6.562 milioni di euro. In particolare, il costo del personale nel 2002 è stato pari a 4.781 milioni di euro (-2%) rispetto a 4.879 milioni di euro nel 2001 grazie, come spiega la società, a un'attenta gestione del turnover. I primi mesi 2003 risultano ancora in crescita nonostante la sfavorevole situazione congiunturale, ha notato Sarmi, che ha anche confermato l'obiettivo dell'approdo in Borsa nella seconda metà del 2004.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Opinioni