cerca

Antonio Fazio visto dai tedeschi «Monarca della Banca d'Italia»

Tra i ministri delle Finanze di Eurolandia, riuniti in via informale nei pressi di Atene, si è registrato un consenso pressochè unanime all'ipotesi di un prolungamento del mandato dell'olandese alla presidenza della Banca centrale europea. Il via libera è arrivato dai piccoli Paesi come dai grandiFrancia compresa, il Paese più coinvolto: nel maggio del 1998, al momento dell'insediamento di Duisenberg, fu raggiunto un accordo con Parigi per procedere a metà mandato con una staffetta a favore del governatore francese Jean Claude Trichet. Il crack del Credit Lyonnaise e il coinvolgimento di Trichet nell'inchiesta giudiziaria hanno complicato le cose. Ultimamente era emersa anche l'ipotesi che il Governatore della Banca d'Italia Fazio potesse succedere a Duisenberg.
Della questione si sono occupati molti giornali ma in particolare il Frankfurter Allgemeine Zeitung, autorevole quotidiano tedesco è entrato di prepotenza nella questione facendo un ritratto a tratti anche pungente di Fazio.
A cominciare dal titolo che incorona il Governatore a «Il Monarca della Banca d'Italia» e esordisce dicendo che «tiene discorsi sui temi più disparati dall'agricoltura, a Tommaso d'Aquino oppure su "Il Monachesimo e la Globalizzazione"».
Ma vediamo i punti salienti dell'articolo del quotidiano tedesco. «Fazio è attualmente il secondo italiano a trovarsi ai vertici della Banca Centrale Europea, tuttavia mostra tutta un'altra personalità rispetto a Tommaso Padoa-Schioppa, uomo di mondo, con grandi capacità diplomatiche, che lavora al direttorio della ECB a Francoforte».
«Alla sua nomina a governatore della Banca Centrale nel 1993, quale successore di Carlo Azeglio Ciampi, Fazio fu accolto come candidato senza schieramento, una candidatura di compromesso, conosciuto solo per i week-end di spiritualità che organizzava anche per i collaboratori della Banca Centrale. Molto presto però si palesò per Fazio la possibilità di dimostrare la sua resistenza e solidità: quando nel 1995 il cambio della Lira stava precipitando negli abissi e un Padoa-Schioppa come numero tre della Banca d'Italia non sapeva più che pesci prendere, Fazio fece di tutto per salvare l'Italia da una nuova spirale di svalutazione e impennate inflazionistiche. Tirò energicamente le briglie della politica monetaria e riuscì così ad annunciare mese per mese i valori inflazionistici da raggiungere, con tale attendibilità che, contrariamente ad ogni precedente esperienza, la Lira ricominciò a guadagnare terreno. Subito dopo anche gli oppositori di Fazio alla Banca Centrale gli riconobbero il merito di aver sconfitto lo zoccolo duro dell'inflazione italiana».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Opinioni