cerca

Borse, torna il sereno tentativi di rimbalzo Milano meglio di tutti

Niente a che vedere con una rinnovata fiducia dal momento che il quadro resta incerto e continuano ad arrivare segnali sconfortanti sull'andamento dell'economia americana. Si è trattato solo di un timido tentativo di rimbalzo dopo un periodo nero. A rialzare la testa con più decisione è Piazza Affari che si è lasciata alle spalle un marzo in profondo rosso. Nel mese chiuso infatti il Mibtel ha ceduto oltre il 6%, quasi il 6,5% il Mib 30. Torna il sereno, quindi, e la voglia di recupero consente persino di ignorare il forte calo dell'indice Ism manifatturiero, sceso negli Usa a marzo ben oltre le previsioni. Anche Wall Street se la cava con un breve sbandamento, poi risale la china. A casa nostra il Mibtel incassa lo 0,88%, il Mib 30 l'1%. Meglio dell'Europa, soprattutto di Parigi (+0,69%) per non parlare di Francoforte (-0,48%).
Il listino è sostenuto dagli energetici, in primis da Eni (+2,22%) e dalla controllata Saipem (+3,74%). Ritraccia pure Seat pg (-6,03%) cui va la maglia nera. Nella scuderia Tronchetti corre invece Telecom Italia (+2,74%) che pregusta la prosima cessione di Seat Pg che vedrebbe in lizza almeno tre cordate concorrenti. Miste le banche, dove svetta Mps (+4,10%) ma non perde smalto Capitalia (+2,42%) regina della vigilia. Perdono olter l'1% Fiat e Generali. A forbice Stm (-0,62%) e Finmeccanica (+12,03%) la seconda aiutata dall'accordo fatto con Carlyle per Fiat Avio.
Contrastato il Midex dove brillano Lottomatica (+3,65%) e Beni Stabili(+2,60%), quest'ultima premiata dal buy di Deutsche Bank. Riemerge Tod's (+0,31%) mentre a patire i guai del lusso oggi è Bulgari (-3,08%). Recupera in chiusura Benetton (-0,02%) che lunedì ha presentato il primo bilancio in rosso. Sul Nuovo Mercato Cardnet Group limita i danni al -2,22%, impegnata ieri in una forte correzione dopo il volo a due cifre dell'altro ieri. Emerge Digital Bros (+5,34%) su risultati positivi. Alterne fortune tra i big con Tiscali a +1,65% ed e.Biscom a -0,44%. Sullo Star in gran denaro Giacomelli (+5,55%) nonostante la smentita alle voci di opa finalizzata al delisting.
Le operazioni militari in Iraq continuano in ogni caso a calamitare l' attenzione degli operatori, una gran parte dei quali resta convinta del fatto che, una volta finita la guerra, l' economia e la Borsa si risolleveranno prontamente.
Certo che a giudicare dalla lunga sequenza di dati macroeconomici affluiti nei giorni scorsi e anche ieri, la sensazione è che la situazione economica resti veramente difficile, anzi sia peggiorata con lo scoppio della guerra.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Jennifer Lopez bella e sensuale ai Billboard Latin Music Awards

Incidente in fabbrica, migliaia di litri di succo di frutta nelle strade
Agguato nella bisca del domino, lo colpiscono con un'ascia ma rimane illeso. Poi la rissa
Belen, show nuda nella vasca. E il web impazzisce