cerca

corsi & ricorsi

Repubblica a chi?

L'Italia nasce con Roma e preesiste anche alla cristianità

Repubblica a chi?

Domani, dunque, la Repubblica. C’è anche un modo di dire, al Sud, per significare il caos, la confusione, l’insolenza. Si dice – «E che è, Repubblica?» – laddove l’armonia, l’ordine e l’educazione corrispondono a legittimo Re e santissimo Regno. Ma la questione, adesso, è un’altra. L’Italia è molto più antica della sua Repubblica, quella che domani sfila ai Fori (imperiali). E l’Italia, infatti, nasce con Roma che non è precisamente la città di oggi, bensì un’idea dell’eterno, spiegata da un termine impegnativo – civiltà – che per molti, nel mondo, è ancora un punto fermo. Come la Cina che si specchia in se stessa - ritrovando Confucio – e s’illude che l’Italia di oggi sia quella di Tito Livio. L’Italia preesiste anche alla cristianità, è ben più ghibellina che guelfa ed è plurale perché sta a Ravenna, presso la Tomba di Dante, a Palermo dove riposa Federico II, a Pola, la cui Arena – la Pietas Julia – è più antica del Colosseo. L’Italia è il Mediterraneo. È il mare dove transita il futuro – il luogo della contemporaneità, la placenta dei popoli – e perciò, nessuno si offenda, c’è molto più mondo nell’Italia che non c’è di quanto ne possa avere la Repubblica (quella che c’è).

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Dall'elicottero ai Fori: il lancio mozzafiato con il Tricolore

Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro
Choc a Roma: si lancia dal tetto, i poliziotti lo afferrano per le caviglie
Isola dei Famosi hot, la Marcuzzi si lancia su De Martino e resta nuda