cerca

Berlusconi e la storia d'Italia

Il romanzo azzurro

Il romanzo azzurro

Il fascismo è l’autobiografia della nazione. È la celebre definizione data da Piero Gobetti. 

Silvio Berlusconi, invece – e non quello della recente rispettabilità istituzionale, ma il sovvertitore di ogni moralismo – è il romanzo d’Italia. Il Cavaliere di Arcore consegue a Benito Mussolini. Tutta la pletora tra l’uno e l’altro – compresi i De Gasperi, sopravvalutati tutti in virtù di gnagnera perbenista – è ammasso di comparse a scomparsa.

Storia e letteratura, però, sono due distinte cattedre. Il popolo s’invera nel maestro di Predappio. Ed è «credere, obbedire, combattere». Nel fondatore di Forza Italia trova forma compiuta l’italiano “individuale”. Ed è quello che Berlusconi stesso – ai suoi di Publitalia – specificamente indicava come «arrivato alla seconda media e neppure seduto al primo banco».

Pura letteratura, dunque; verità ben più fattuale del banale reale quando – ancor più che con la conta dei voti alle elezioni – in un’intervista a Sabina Began, l’Ape regina, ogni italiano trova se stesso. Come in uno specchio. L’affascinante maliarda del Bunga-bunga, intervistata da Francesca Fagnani sul Fatto, dice di lui: “Oggi avrei riso di alcune cose cui allora, invece, credevo”.

Credere, obbedire, e poi ridere.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro

Choc a Roma: si lancia dal tetto, i poliziotti lo afferrano per le caviglie
Isola dei Famosi hot, la Marcuzzi si lancia su De Martino e resta nuda
Raikkonen spezza una gamba al meccanico della Ferrari