cerca

il voto in ungheria

L'identità degli Ussari

Trionfo di Orban: "Difenderò l'Ungheria"

I membri dell’associazione per la preservazione culturale degli Ussari ungheresi si sono presentati al voto domenica scorsa – votando, tutti, verosimilmente per Victor Orban – e hanno voluto esercitare il loro diritto elettorale in uniforme vera, con tanto di stivali veri, alamari veri, sciabole vere e mantelli veri.

L’Ungheria è molto più in sintonia dell’Italia con la contemporaneità. Non foss’altro per la decisa sovranità rispetto ai diktat mondialisti eppure i nostri giornali – e con loro tutta la stampa occidentale – hanno rubricato questo dettaglio tutto imperiale degli Ussari alle urne quale sintomo di una febbre maligna. Ovviamente la xenofobia e – in aggiunta – una deriva pittoresca. Manco fossero, gli Ussari al voto, figuranti del Paese dei Campanelli.

Tutto il contrario, invece. Quegli Ussari sono identità. Provate a immaginare i finti gladiatori e i finti legionari – quelli che divertono i turisti davanti ai monumenti, a Roma – presentarsi al voto nei loro costumi di acrilico e cartone. Non sarebbero credibili. E il paragone impone una malinconica considerazione: l’Ungheria è vera, l’Italia è una patacca.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Gracia De Torres e Daniele Sandri: il nostro matrimonio gipsy bohemian [VIDEO]

Il Tricolore atterra sui Fori Imperiali: ecco il lancio mozzafiato del paracadutista della Folgore
Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro
Choc a Roma: si lancia dal tetto, i poliziotti lo afferrano per le caviglie