cerca

L'ultimo grande Papa

Aridatece Wojtyla

Aridatece Woityla

Fedeli polacchi alla beatificazione di Giovanni Paolo II nel 2011

Il 2 aprile 2005 moriva Karol Wojtyla, l’ultimo grande pontefice cattolico, un vero e proprio Re, indiscusso protagonista nell’orizzonte contemporaneo. Artefice di un passaggio d’epoca – il crollo del potere sovietico a Mosca – Giovanni Paolo II, dal trono di Roma, pone il sigillo alla vera rivoluzione: il re-volvere che riavvolge la storia. Ed è la rinata spiritualità della Russia – con il ritorno delle sue chiese, delle sue moschee e dei tanti templi lamaisti– di fatto, oggi, ultima fortezza della religione di popolo.

Atleta, operaio e maschio in ogni sua azione, da subito, dopo aver incendiato di libertà i cuori dell’Est, Wojtila mette sull’avviso – indicandone gli abissi di morte e indifferenza – quell’Occidente asservito al nulla laicista del materialismo borghese. Tutto un ciapi-ciapi di chiacchiere che ancora ieri, nelle commemorazioni, ometteva questa sua eredità. Soprattutto visibile, il suo lascito, quando schiaffeggiando – perché sapeva dare ceffoni – additava l’impostura massima: la sanguinosa Rivoluzione francese, madre e matrice della perfino minore criminale Rivoluzione bolscevica.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro

Choc a Roma: si lancia dal tetto, i poliziotti lo afferrano per le caviglie
Isola dei Famosi hot, la Marcuzzi si lancia su De Martino e resta nuda
Raikkonen spezza una gamba al meccanico della Ferrari