cerca

fiocco azzurro

Boris è nato

Il figlio di un poliziotto porta il nome del funzionario vittima della mafia

Ostuni, Boris è nato

Qui Ostuni. C’è un commissariato di Pubblica Sicurezza che è una meraviglia. Un edificio che si staglia sul belvedere di mare, olivi di Puglia e la pietra bianca dell’intera città. È adagiato su un parco in declivio e un hortus conclusus: alte mura chiamate a proteggere dal vento un albero d’arancio. Questo commissariato è, insomma, una delizia dall’esatta misura alchemica. Propria del Sud del Sud dei Santi. E chi vi s’accosta – lungo il marciapiede – può godere della perfetta commozione.

Eccola: su uno dei portoni, a farsi largo oltre la fatica sudata della vita, c’è un fiocco che annuncia l’arrivo di un bimbo. È azzurro, il nastro, e dice a tutti: «È nato Boris». È il figlio di un poliziotto, si chiama Boris per Boris Giuliano e siccome nel Sud del Sud il nome per un figlio è tutto, ecco un altro Santo. E si capisce – in punto di tenerezza – che niente hanno potuto mai dire i sette colpi di pistola sulle carni del capo della Squadra Mobile di Palermo, Boris Giuliano. Leoluca Bagarella, cognato di Totò Riina, poté sparargli solo alle spalle ma i sette bossoli niente potranno mai fare: Boris è nato.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro

Choc a Roma: si lancia dal tetto, i poliziotti lo afferrano per le caviglie
Isola dei Famosi hot, la Marcuzzi si lancia su De Martino e resta nuda
Raikkonen spezza una gamba al meccanico della Ferrari