cerca

il concertone a napoli

Pino Daniele, i big fanno flop: Jovanotti delude, fischi per Brignano

Polemiche per la pronuncia napoletana. E sui social esplode la protesta

Pino Daniele, il concertone delude: Jovanotti sotto accusa e fischi per Brignano

“Pino è” il concerto in memoria del cantautore napoletano è stato un successo a metà. Polemiche sui social per la pronuncia, per la scaletta con i cantanti partenopei relegati a notte fonda e per l’inconsistente e fuori luogo intervento di Enrico Brignano fischiato dai 45.000 del San Paolo.
 
Pino Daniele è musica in note, è anima blues e i napoletani non perdonano. Non perdonano il concerto omaggio al cantautore nato nel centro storico di una città che fonde in un unico gioiello struggente bellezza e tormentato lassismo. I big della canzone italiana si sono esibiti nel tempio calcistico, il San Paolo, davanti a 45.000 spettatori, ma sui social l’omaggio si è presto trasformato in “oltraggio”, il tributo in “contributo” apprezzabile salvo poche eccezioni come Fiorella Mannoia, James Senese, Elisa, Negramaro, Enzo Avitabile. Pur comprendendo che il napoletano è una lingua (non un dialetto come ha sottolineato Vincenzo Salemme) ostico da imparare e pur riconoscendo lo sforzo, la rete ha bollato molte esibizioni come improvvisate, superficiali e strazianti a cominciare da quella di Jovanotti (il successivo duetto con Eros Ramazzotti è stato interrotto dalla pubblicità, nda). Polemiche anche per i cantanti napoletani quasi ignorati e fatti esibire a tarda serata: Enzo Gragnaniello si è esibito all’1.08 di notte.

“Pinuccio perdonali”, “mio figlio ha cambiato dopo tre canzoni”, “A tratti sembra il Gran Gala’di Capodanno dove ognuno è lì per dire qualcosa di populista. Prendiamo i cellulari di ognuno di loro e vediamo se avevano il numero di Pino Daniele in rubrica”, “mo’ basta guaglio’, m’ata ucciso tutte ‘e canzoni mie” sono alcuni dei numerosi commenti su Facebook. E Twitter non è stata da meno con interventi anche di volti noti. Ivan Zazzaroni, direttore del Corriere dello Sport, ha twittato: "Apprezzabilissima l'idea dell'omaggio dei colleghi, purtroppo però ci sono cantanti la cui voce fa la canzone: Pino Daniele aveva un timbro unico e inimitabile attraverso il quale griffava in modo indelebile ogni suo pezzo. Con Pino la riconoscibilità è un valore", Red Ronnie nota: "Come mai non hanno invitato @GigiDAlessio che era un amico VERO di PINO??!!", mentre il critico televisivo Riccardo Bocca commenta: “Dalle interpretazioni dei bravi cantanti di questa sera emerge tutta la complessità dell'opera di Pino Daniele che invece in lui era semplicità, calore, dolcezza”. C’è anche chi è più indulgente ricordando che era un concerto di beneficienza e che bisognava essere più indulgente, ma la sensazione è che si poteva fare qualcosa di più e meglio
Se la poesia di Panariello è risultata impacciata, l’intervento di Enrico Brignano è stato in maniera netta, unanime e senz’appello. Un monologo pieno di luoghi comuni, parolacce, ovvietà e paragoni sbagliati. Fischi sonori dal San Paolo e rivolta sui social: “Marò, Brignano annasconnete”, “Pino non avrebbe gradito l’intermezzo di Brignano, non amava le parolacce”, “Prati come la Sanità…ma che c***o sta’ a dì”, “Non puoi paragonare i palazzoni anni 70 dei Prati Fiscali, con la cultura millenaria dei vicoli della SANITÀ, vicoli che trasudano di storia, e fatt na figura e merd brigna’”, “Pinoè è inguardabile. Una serie di inutili luoghi comuni e becera retorica. #Brignano una delle cose peggiori che la tv abbia partorito quest'anno”. Un testo imbarazzante per il quale “ha rischiato seriamente le mazzate”.
 
 

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Dall'elicottero ai Fori: il lancio mozzafiato con il Tricolore

Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro
Choc a Roma: si lancia dal tetto, i poliziotti lo afferrano per le caviglie
Isola dei Famosi hot, la Marcuzzi si lancia su De Martino e resta nuda