cerca

LA POLEMICA

Insinna si scusa e contrattacca: Striscia fa pornografia televisiva

Parla il conduttore di "Affari tuoi" dopo i fuorionda con gli insulti ad autori e concorrenti

Insinna si scusa e contrattacca: Striscia fa pornografia televisiva

E così, dopo una lunga riflessione, alla fine Flavio Insinna ha sentito l’esigenza di chiedere scusa al suo pubblico, ai fan, ai concorrenti. Lo ha fatto tramite la sua pagina Facebook in un lungo post in cui ha attaccato Striscia la notizia. Ma le polemiche suscitate dai fuori onda trasmessi dal Tg satirico di Ca- nale 5, sulle invettive dell’atto- re e conduttore contro i responsabili di Affari tuoi rei di scelte discutibili, sono destinate a rinfocolarsi. Infatti il Codacons (coordinamento delle associazioni per la difesa dell'ambiente e dei diritti degli utenti e dei consumatori) nella persona del presidente Carlo Rienzi ha fatto sapere, in una nota stampa: "Su Flavio Insinna la Rai deve adottare provvedimenti immediati. In caso contrario l’azienda e i suoi vertici saranno denunciati per discriminazione sul luogo di lavoro".

Secondo il Codacons la Rai ha utilizzato differenti criteri di valutazione per Insinna e per Paola Perego. "L'azienda ha chiuso in tutta fretta il programma Parliamone sabato utilizzando il pugno di ferro per un servizio innocuo sulle donne dell’est, ma dimostra clemenza e solidarietà a Flavio Insinna nonostante la violenza verbale del conduttore e le gravi offese a donne e con- correnti rivolte in pubblico" spiega Rienzi. "Un comportamento inqualificabile e da "branco" che gli utenti non possono tollerare. Per questo chiediamo all’azienda di adottare provvedimenti immediati verso Insinna; in caso contrario, saremo costretti a denunciare la rete e i vertici di Rai1 per discriminazione sul luogo di lavoro, considerato il diverso trattamento riservato a Paola Perego", conclude Renzi.

Tutto questo a sole poche ore di distanza dalla pubblicazione sulla sua pagina Facebook delle scuse di Flavio Insinna. Il conduttore e attore, infatti, ha atteso qualche giorno dopo la trasmissione dei fuori onda di Striscia la notizia che ne evidenziavano i comportamenti poco educati nei riguardi di concorrenti e addetti alla produzione. E, ieri mattina, ha deciso di affidare il suo rincrescimento ai social network: "Mi spiace e chiedo scusa a tutti, senza se e senza inutili ma. Le mie scuse sono rivolte anche a chi ha fornito immagini dal Teatro delle Vittorie e registrazioni audio pre- se dalle scale, fra i camerini e le nostre stanze", scrive Insinna. A questo proposito Striscia aveva precisato che tutto si era svolto in studio dinanzi al pubblico. Insinna aveva continuato facendo autocritica ed am- mettendo di essere molto pignolo sul lavoro ma di saper distruggere, in un istante tutto il bello che ha costruito fino a un attimo prima. "Sono bravissimo a passare subito dalla parte del torto. Odio i toni beceri ma poi sono un fenomeno a usarli. È successo tante volte (mi sono sempre scusato), potrebbe accadere ancora. Ma ci metto sempre la faccia".

Infine la stoccata a Striscia: "Un'altra cosa che mi fa infinitamente tristezza, quanto le mie scenate, è che tutta questa pornografia televisiva, con filmatini e vendetta incorporata, sia fatta per cercare qualche straccio di punto di ascolto in più". Fatti davvero incresciosi dinanzi ai quali bisognerebbe fermarsi a riflettere sul ruolo della tv che riesce a stravolgere i rapporti umani".

 

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Il tavolo per rilanciare Roma inizia tra le proteste

La straordinaria danza dei delfini al largo di Capri
Incendi, morte e paura: la California devastata dai roghi
Playboy, ecco la villa delle feste di Hefner con le conigliette

Opinioni