cerca

LUTTO NEL CINEMA

È morto Jonathan Demme, regista di Philadelphia e Il silenzio degli innocenti

È morto  Jonathan Demme, regista di Philadelphia e Il silenzio degli innocenti

È morto il regista americano Jonathan Demme, che ha posto la sua firma ad alcuni dei film più importanti degli anni '90. Aveva 73 anni e aveva vinto il premio Oscar per il Silenzio degli Innocenti, nel 1991, ed è stato anche il regista di Philadelphia, nel 1993, film che ha permesso a Tom Hanks di vincere il suo primo Oscar. Da tempo aveva un tumore all'esofago. Il suo ultimo lavoro andrà in onda il prossimo 26 aprile e si tratta di un episodio del poliziesco di Fox, Shots Fired.

Aveva debuttato nella regia nel 1974 prodotto da Roger Corman e ha poi diretto - spaziando tra diversi generi, dall'horror alla commedia - oltre trenta film, tra cui alcuni cult movies come Il segno degli Hannan (1979), Qualcosa di travolgente (1986) e Una vedova allegra… ma non troppo (1988). Demme ha dimostrato un notevole talento nel dirigere film con una forte componente musicale (Stop Making Sense, 1984; Neil Young: Heart of Gold, 2006; Dove eravamo rimasti, 2015).

Ha partecipato numerose volte alla Mostra di Venezia con alcuni suoi titoli fra i più significativi, quali Una volta ho incontrato un miliardario (1980, in Concorso, vincitore di due Oscar), The Manchurian Candidate (2004, fuori Concorso), Man From Plains (2007, Orizzonti Doc), Rachel sta per sposarsi (2008, in Concorso), Ìm Caroline Parker: the Good, the Bad and the Beautiful (2011, Orizzonti) ed Enzo Avitabile Music Life (2012, fuori Concorso). Il musicista italiano lo ha ricordato pubblicando una foto su Facebook.

Alla Mostra 2015 è stato Presidente della Giuria Orizzonti. Il suo ultimo lavoro di finzione era stato Dove eravamo rimasti (2015), con Meryl Streep, presentato a Locarno, mentre lo scorso anno aveva firmato il film-concerto Justin Timberlake + The Tennessee Kids. in 2016.

Con ammirevole equilibrio tra approccio d'autore e gusto mainstream, dimensione indie e lavoro negli studios, Jonathan Demme ha saputo interpretare le mutazioni nel cinema americano tra i Settanta ad oggi con grande bravura e intelligenza, calandosi ogni volta nella sua multiforme realtà con piglio umanista e personale. Ha saputo rileggere i generi con sensibilità moderna, si è dedicato al documentario con dedizione e coraggio, ha ridisegnato l'immaginario popolare arricchendolo di figure indimenticabili, sullo sfondo di un paesaggio americano vivace e inquieto, in perenne trasformazione, ma sempre vero, riconoscibile, non ancora passato sotto gli artifici del postmodernismo.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Il tavolo per rilanciare Roma inizia tra le proteste

La straordinaria danza dei delfini al largo di Capri
Incendi, morte e paura: la California devastata dai roghi
Playboy, ecco la villa delle feste di Hefner con le conigliette

Opinioni