cerca

INTERVISTA

La ribellione dei Litfiba: "Oscurati da Renzi ma noi siamo più forti"

La band in concerto a Roma. Piero Pelù: "C'è un veto in radio contro di noi per la mia frase sull'ex premier"

La ribellione dei Litfiba: "Oscurati da Renzi ma noi siamo più forti"

Il tempo passa ma i Litfiba restano. A 37 anni dal debutto il Dna di una delle più amate band italiane è stato solo scalfito dalle separazioni, dal declino del rock nei gusti dei giovani, da un mercato discografico in eterna crisi.
Un'identità fatta di rock e ribellione che Piero Pelù e Federico «Ghigo» Renzulli, voce e chitarra della band che ieri sono venuti a trovarci in redazione, porteranno stasera sul palco del PalaEur per presentare il loro ultimo lavoro in studio Eutòpia.

Chi sono oggi i Litfiba?
Pelù: «Noi siamo sempre gli stessi, è il mondo a essere cambiato radicalmente. L'importante è vivere il proprio tempo senza nostalgia. Voltare le spalle al futuro non ha senso».
Renzulli: «Non sono d' accordo, gli anni '80 erano meglio...»

Eutòpia parla di ribellione, di reazione al sistema.
Pelù: «Sì, ma non solo. Eutopia vuol dire il bel luogo, ed è una cosa che si conquista solo grazie alla forza delle proprie idee e della conoscenza. La rivoluzione inizia prima di tutto in noi stessi».

Lei nel '95 certe risposte andò a cercarle a casa di Licio Gelli, l'ideatore della P2...
Pelù: «Andai a bussare alla villa di Gelli che incredibilmente aprì la porta. Ho pensato: e adesso che c... gli dico? È stato come trovarmi da vanti il diavolo nella sua tana. Gli ho fatto un po' di domande...

SE VUOI CONTINUARE A LEGGERE CLICCA QUI

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

La straordinaria danza dei delfini al largo di Capri

Incendi, morte e paura: la California devastata dai roghi
Playboy, ecco la villa delle feste di Hefner con le conigliette
Diletta Leotta come non l'avete mai vista

Opinioni