cerca

LA VOCE DELLA BLACK MUSIC

Addio al gigante del jazz e dell'R&B, è morto Al Jarreau

Addio al gigante del jazz e dell'R&B, è morto Al Jarreau

Al Jarreau

Addio alla leggenda del jazz Al Jarreau, morto a Los Angeles a 76 anni. Nonostante solitamente la si associ al mondo del jazz, la sua voce era tanto versatile che Al Jarreau è stato l'unico artista nella storia dei Grammy a ottenere premi in tre categorie differenti: pop, jazz y rhythm & blues.

Nato il 12 de marzo del 1940 a Milwaukee, in Wisconsin, Alwin Lopez Jarreau detto "Al" è stato una delle grandi figure del jazz, anche se cominciò la sua carriera piuttosto tardi e per il grande pubblico resterà sempre l'interprete della ballata soul con cui si apriva la serie tv "Moonlighting". Jarreau cominciò a cantare a quattro anni, dal momento che i fratelli maggiori erano già cantanti e lo spingevano continuamente ad ascoltare musica jazz. La vera e propria carriera musicale, però, iniziò molto tardi, perché prima frequentò l'università, laureandosi in psicologia e successivamente lavorò a San Francisco in un'istituzione in cui prestava assistenza a persone che avevano sofferto di dipendenze di vario tipo.

Fino a 28 anni per lui la musica fu un hobby. Ma i 28 anni costituiscono un momento di svolta: decise di lasciare la psicologia e dedicarsi del tutto alla musica. Tuttavia passarono sette anni prima che firmasse un contratto con la Warner, con cui nel 1975 registrò il suo primo album in studio, intitolato "We got by". Questo primo lavoro fu molto ben accolto dalla critica: negli Stati Uniti non raggiunse grande notorietà, a differenza dell'Europa. Un anno dopo uscì il suo secondo disco, "Glow".

Momento di svolta per la carriera musicale fu il 1977, quando intraprese la sua prima tournée mondiale, da cui uscì l'album live "Look to the rainbow", registrato in Europa. Questa registrazione ottenne il primo dei suoi sette Grammy, nella categoria di migliore cantante jazz. Nel 1978 vinse nella stessa categoria con "All fly home". Nel 1981 entrò nella top ten dei più venduti con due brani del suo album "Breakin Away" e "Blue rondo a la turk", con i quali ottenne rispettivamente i Grammy per migliore interpretazione pop e migliore interpretazione jazz.

Due anni dopo essere tornato a registrare live con "Live in London" nel 1984, è arrivata la grande hit della sua carriera, cioè l'interpretazione di "Moonlight", colonna sonora dell'omonima serie tv che aveva come protagonisti dei giovanissimi Bruce Willis e Cybill Shepherd. Fu con questo brano che raggiunse notorietà anche al di fuori dei circoli del jazz.

Un altro Grammy, primo nella categoria rhythm & blues arriva nel 1992 con 'Heaven and earth'. I suoi lavori continuano poi a uscire con regolarità alla fine degli anni '90, mentre diminuiscono per quantità a partire dal 2000, mantenendo tuttavia una grande qualità con registrazioni come "Tomorrow Today" del 2000, "All I Got" del 2002 e "Accentuate the Positive" del 2004. Nel 2006, insieme al chitarrista e cantante Usa George Benson registrò "Givin' It Up", che gli valse un nuovo Grammy, stavolta nella categoria di migliore interpretazione R&B.

La sua prolifica carriera, fatta di 26 dischi tra cui diverse compilation e registrazioni dal vivo, si concluse negli studi con "My old friend: Celebrating George Duke", un omaggio al pianista jazz statunitense uscito nel 2014. A 76 anni, Al Jarreau aveva appena annunciato il suo ritiro dalle scene; si è spento esattamente un mese prima del suo 77esimo compleanno.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Curve fra gli addominali, gli esercizi hot di Claudia Galanti

Maturità, Fedez: Cosa avresti scelto? "Non so, non l'ho fatta"
 Décolleté e micro-bikini Cristina Buccino sirena hot a Formentera
Il topless super sexy di Brittny Ward, la fidanzata del pilota Jenson Button