cerca

Il Bif&st omaggia Scola e Mastroianni

La manifestazione cinematografica in programma a Bari dal 2 al 9 aprile

Il Bif&st omaggia Scola e Mastroianni

mastroianni e loren

Ettore Scola aveva deciso di telefonare personalmente agli attori e ai registi che nel corso dell'edizione 2016 del Bif&st avrebbero dovuto ricordare Marcello Mastroianni, per celebrare il ventesimo anniversario dalla sua scomparsa. E nel corso della kermesse cinematografica, in qualità di presidente, raccontare anche del suo rapporto con l'attore, presentando uno dei dieci film realizzati insieme «Il mondo nuovo». La morte improvvisa, lo scorso 19 gennaio, non ha permesso a Scola, però, di portare a termine il suo lavoro. La settima edizione del Bari International Film Festival, in programma dal 2 al 9 aprile, sarà così un omaggio «dovuto» a Ettore Scola e Marcello Mastroianni. Nel corso degli otto giorni di programmazione nel capoluogo pugliese ci saranno proiezioni, incontri e retrospettive dedicati al regista e all'attore che hanno scritto pagine memorabili della storia del cinema italiano. Scola ha saputo raccontare grandi storie da lui sceneggiate e dirette, facce diverse del nostro Paese portate sul grande schermo nelle sue commedie all'italiana. Mastroianni è riuscito a vestire i panni di personaggi intensi, alternandoli con interpretazioni anche più leggere, conquistando anche due Golden Globes, uno per «Divorzio all'italiana» diretto da Pietro Germi. Promossa dalla Siae, la rassegna «Scola-Mastroianni 9œ» - con un chiaro riferimento all'amico di entrambi Federico Fellini - ripercorrerà durante il Bif&st i dieci film (di cui uno a episodi) girati insieme. A partire da «Dramma della gelosia» del 1970 in cui Mastroianni interpreta il muratore romano Oreste Nardi accusato dell'omicidio preterintenzionale dell'amante (Monica Vitti) fino alla pellicola del 1989 «Che ora è» con Massimo Troisi, che è valsa a entrambi gli attori (per i ruoli di padre e figlio) la Coppa Volpi come Migliore interpretazione maschile alla 46esima edizione della Mostra d'arte cinematografica di Venezia. Mastroianni è stato indimenticabile anche nelle pellicole «C'eravamo tanto amati» (1974),«Una giornata particolare» (1977) al fianco di Sophia Loren - con cui lavorerà spesso nella sua carriera - e «La terrazza» (1980), sempre dirette da Scola. Riconosciuto come uno dei più grandi attori italiani, è stato diretto sul grande schermo dai maggiori registi nostrani: Mario Monicelli, Michelangelo Antonioni, Dino Risi, Luigi Comencini. Come con Scola, con il visionario Federico Fellini costruisce un lungo sodalizio artistico - segnato anche da qualche piccolo screzio - a partire dal 1960, quando realizzano insieme il loro primo film: «La dolce vita». Impossibile non ricordare di quell'opera cinematografica il cinismo e il disincanto del giornalista Marcello con il sogno di fare lo scrittore e il suo nome, pronunciato dall'avvenente Anita Ekberg, riecheggiare nella Fontana di Trevi. Fu la moglie di Fellini, Giulietta Masina, a proporre Mastroianni per quel ruolo, mentre il produttore della pellicola Dino De Laurentiis avrebbe voluto Paul Newman o Gérard Philppe. Sempre diretto da Fellini tre anni dopo in «Otto e mezzo», Mastroianni interpreta un regista in piena crisi artistica e personale che cerca rifugio in un centro termale, mentre nel 1987 torna a lavorare con Fellini in «Intervista» girato negli Studios di Cinecittà, soprattutto nel Teatro 5 tanto caro al regista, nel ruolo di se stesso. Il Bif&st 2016 ricorderà i venti anni dalla scomparsa di Marcello Mastroianni (morto a Parigi il 19 dicembre 1996), grazie alla Fondazione Centro Sperimentale di Cinematografia-Cineteca Nazionale, con una retrospettiva di circa cinquanta film e la proiezione di una serie di materiali documentari provenienti dagli archivi di Rai Teche e dell’Istituto Luce che ripercorreranno la carriera artistica dell'attore. Mentre nel corso di otto Masterclass saranno registi e attori come Liliana Cavani, Francesca Archibugi, Toni Servillo, Marco Bellocchio e Claudia Cardinale a parlare di Mastroianni e Scola.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Diletta Leotta come non l'avete mai vista 

Tutti in delirio per l'arrivo di Silvio Berlusconi alla convention di Fiuggi
Degrado capitale, la stazione Termini è un  vespasiano a cielo aperto
La cassanata definitiva: "Ci ho ripensato, continuo a giocare"