cerca

Protesta dei lavoratori di Cinecittà: «Salviamola dal cemento»

Èla protesta dei lavoratori e delle lavoratrici di Cinecittà. «Abete non ha abbandonato l'idea della speculazione edilizia a Cinecittà - dicono i lavoratori in presidio - Per realizzare il progetto-cemento Abete deve liberare Cinecittà dai lavoratori». Per Manuela Calandrini, Rsu Uil Cinecittà Studios, «si tratta di una speculazione edilizia vera e propria. Abete aveva preso questa società nel 1997 per rilanciare il cinema. Se questo e il rilancio del cinema.... Vogliamo bloccare questo progetto della costruzione di un albergo all'interno di Cinecittà con l'idea che sia il modo di rilanciare e attirare le produzioni internazionali». Oltre a questo progetto, secondo i lavoratori, ce ne sarebbe un altro, «una seconda parte». «Il progetto prevede - spiegano i manifestanti - tutta la post-produzione, 90 dipendenti, affittati a Deluxe; 50 unità trasferite sulla Pontina; 6 lavoratori ceduti a Panalight; 45 in attesa di giudizio nel sito storico e 20 dipendenti licenziati. Non dimentichiamoci - aggiungono - che quel sito è di proprieta dello Stato». Intanto è record assoluto per la produzione di film italiani nel 2011. Con la realizzazione di ben 155 film, nello scorso anno. È la migliore performance della storia più recente del cinema nostrano, seconda soltanto ai successi del 1960. È quanto annunciato dal Rapporto 2011. Il Mercato e l'Industria del Cinema in Italia curato dall'Area Studi della Fondazione Ente dello Spettacolo che sarà presentato oggi, all'Università Luiss di Roma.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Sul palco in bermuda, il balletto di Maradona per Maduro

Choc a Roma: si lancia dal tetto, i poliziotti lo afferrano per le caviglie
Isola dei Famosi hot, la Marcuzzi si lancia su De Martino e resta nuda
Raikkonen spezza una gamba al meccanico della Ferrari

Opinioni