cerca

«Io, giornalista noto ma dopo tanta gavetta»

Forse sono un cronista, che conduce "Porta a Porta"».
Come ha cominciato?
«Ho iniziato giovanissimo, collaboratore per la stampa locale abruzzese, con una serie di articoli sugli aquilani illustri. A sedici anni al quotidiano "Il Tempo", ho iniziato con articoli sportivi. Sono stato il primo inviato di un giornale non sportivo a seguire il rugby. La squadra di Aquila, la mia città, era molto forte».
E poi?
«E poi mi sono interessato di politica sempre con "Il Tempo"».
Ha una ricetta per raccontare i fatti della politica?
«Osservare con curiosità e con tanta scrupolosità i fatti della politica. A diciotto anni ho cominciato a collaborare con la Rai per la radio. Mi occupavo della transitabilità delle strade dell'Abruzzo e del Molise».
Insomma tanta gavetta?
«Assolutamente sì. Ho conosciuto davvero il significato della parola gavetta. La consiglio a chi vuol cominciare questo lavoro. Ho vinto nel '68 un concorso in Rai per radiocronisti. E da lì ho cominciato il mio percorso alla Rai».
Le piace il suo mestiere?
«I miei occhi hanno seguito situazioni, fatti e personaggi di tutto il modo. Ho sempre cercato di raccontare con molta cura le cose che vedevo. Innegabile la mia passione per il mio mestiere».
Fa anche il giornalista, a casa?
«A volte sì. E sono accusato di questo. Non perdo occasione per annotare gusti e impressioni della quotidianità anche a tavola, in famiglia».
Ama molto parlare anche di vino?
«Ho un particolare gusto per il vino e penso che l'argomento possa anche essere tema interessante per un salotto tv».
Il successo dei suoi libri come lo spiega?
«Raccontare, raccontare, raccontare. I miei libri sono soltanto questo. Sintesi delle mie esperienze di giornalista con semplicità nell'esposizione».
Anche l'ultimo?
«Sì, "Viaggi in un'Italia diversa" è un viaggio nella rivoluzione, scaturita dallo sconvolgimento elettorale della primavera del 2008. Si parla anche dello sbarco dei clandestini a Lampedusa e del mio incontro con gli stranieri in attesa di espulsione».
Insomma l'Italia?
«Sì, un viaggio tra la gente raccontata da un cronista. Un viaggio attraverso il quale si riesce a ricreare, nel racconto, l'atmosfera dei personaggi che ho intervistato. Il racconto di un uomo che è andato in giro per capire e raccontare».
Da grande cosa farà?
«Spero di continuare a fare quello che faccio, senza trascurare i doveri di padre e di marito».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Degrado capitale, la stazione Termini è un gabinetto a cielo aperto VIDEO

La cassanata definitiva: "Ci ho ripensato, continuo a giocare"
Dopo le liti in tv relax al mare: Adriana Volpe in versione sirenetta
Roma, in viaggio seduti sul paraurti Così strappano un passaggio al tram

Opinioni