cerca

«La mostra a Roma non è ideologia»

È sicuro Telmo Plevani, professore di filosofia della scienza alla Bicocca di Milano e curatore della mostra «Darwin 1809-2009». La mostra, organizzata da Plevani con Niles Eldredge e Ian Tattersall, nasce come celebrazione del bicentenario della nascita di Charles Darwin, il 12 febbraio. "Ma l'intento è parlare di Darwin e della scienza", precisa, "con serenità, mettendo in campo gli strumenti necessari a far capire cos'è stato l'evoluzionismo darwiniano e che cos'è oggi".
Il progetto è ambizioso: "Mille metri quadri di esposizione, in cui Darwin appare non come icona statica, ma come una mente nel cui sguardo accompagniamo il visitatore ad immergersi. La scienza non è un catalogo di teorie morte, ma un processo di scoperta, di meraviglia continua". Tre le aree della mostra: "Nella prima parte c'è anche lo studio di Darwin, ricostruito con tutti i suoi oggetti. Nella seconda si mostrano gli approfondimenti avuti dalla teoria dell'evoluzione nel tempo: se Darwin poteva analizzare la selezione naturale solo a livello macroscopico, noi oggi la vediamo a livello genetico, così come sappiamo che l'evoluzione non è solo un processo lento, ma può anche essere geologicamente veloce". In chiusura una novità: "Una sezione dedicata all'evoluzione umana e a Darwin in Italia. Gli scienziati e i naturalisti italiani furono tra i primi ad accogliere le teorie darwiniane e ad applicarle all'uomo".

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Incendi, morte e paura: la California devastata dai roghi

Playboy, ecco la villa delle feste di Hefner con le conigliette
Diletta Leotta come non l'avete mai vista
Tutti in delirio per l'arrivo di Silvio Berlusconi alla convention di Fiuggi

Opinioni