cerca

Fuori concorso al festival i film italiani


«Gli ho spiegato che i produttori italiani non hanno voglia di mandare i propri film a Berlino, perchè in Germania siamo detestati - ha detto Tozzi -. Quest'anno avevo due film pronti, di Enzo Monteleone e Francesca Archibugi, ma non glieli ho fatti neanche vedere. Dopo l'accoglienza tributata a "Io non ho paura", "Romanzo criminale" e "Caos calmo", è meglio evitare. I critici tedeschi ci offrono un'accoglienza che va da fredda a sarcastica. Sulla Frankfurter Allgemeine Zeitung hanno scritto: "Quando dobbiamo recensire un film italiano ce lo giochiamo a sorte"».
Polemiche a parte, anche in questa 59esima edizione della Berlinale la pattuglia italiana si fa valere. A cominciare dalla prima mondiale di «Terra Madre», nella sezione Culinary Cinema che aprirà il festival: Olmi affronta in un docu-film il tema del cibo e le sue implicazioni economiche, ecologiche e sociali. Se tra le 10 Shooting Star a rappresentare l'Italia è Alba Rohrwacher, la divina Monica Bellucci sarà alla Berlinale per presentare - fuori concorso - «The Private Lives of Pippa Lee» di Rebecca Miller, con Robin Wright Penn, Keanu Reeves, Jiulianne Moore e Winona Rider. In chiusura arriverà infine Riccardo Scamarcio, protagonsita di «Eden is west», nel suo secondo ruolo - dopo «Italians» - di un emigrante, diretto da Costa-Gavras che per la prima volta ha girato un film in Grecia, suo Paese d'origine.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Degrado capitale, la stazione Termini è un gabinetto a cielo aperto VIDEO

La cassanata definitiva: "Ci ho ripensato, continuo a giocare"
Dopo le liti in tv relax al mare: Adriana Volpe in versione sirenetta
Roma, in viaggio seduti sul paraurti Così strappano un passaggio al tram

Opinioni