cerca

Sommo Poeta ma anche cacciatore, esperto di falconi e ...

Attraverso un lavoro interessante e colto, Zauli ha compilato una specie di bestiario della «Divina Commedia», completo di rimandi e riferimenti che propongono una lettura originale e curiosa del poema dantesco, tramite un'interpretazione mai prima d'ora offerta. Giorgio Zauli è così l'autore del saggio «Animali e cacce nella Divina Commedia. Dante falconiere ed etologo», pubblicato dalle edizioni Sarnus di Firenze.
Nel variopinto universo di simboli di cui è ricca la «Commedia» dantesca, molti sono gli elementi appartenenti al mondo animale, spesso e con evidenza in riferimento alla precisa sfera della caccia. Il libro di Zauli approfondisce, anche con qualche illustrazione, un aspetto poco conosciuto del poema, letto e studiato in tutto il mondo e si sofferma sugli animali descritti da Dante nel corso delle tre cantiche, trattandone la concezione nella storia e spiegando, anche attraverso riferimenti storici, significati e connotati di ogni singola specie. Zauli pone l'accento sulle descrizioni particolarmente realistiche tratteggiate da Dante, sicuramente pratico d'arte venatoria, specialmente quando tratta di falconeria dimostrando uno spirito d'osservazione degno tra l'altro del più attento etologo naturalista.
Del resto, ricorda Zauli, il primo incontro della «Divina Commedia» avviene tra Dante e tre animali feroci: nel primo canto dell'Inferno la lonza, il leone e la lupa sbarrano il cammino al poeta respingendolo verso i misteri della «selva oscura». Le tre temibili belve rappresentano alcuni peccati capitali, molto probabilmente lussuria, superbia e avarizia.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Il camion dell'Atac blocca il tram. I passeggeri lo spostano a spinta

Victoria's Secret 2017: gli angeli conquistano la Cina
Roma, un Suv impazzito sfonda il muretto e finisce in giardino
A Rio de Janeiro va in scena Miss Bum Bum Premio al sedere più bello