cerca

Pendleton: crediamo nella fantasia come Obama

Così Grenaway che debutta stasera a Roma con il suo «The blue planet», così Moses Pendleton che con i suoi Momix presenta in prima a Bologna il 10 febbraio il suo «Bothnica» (dopo New York e Santiago del Cile sarà a Roma nel gennaio 2010).
«Spero che Obama faccia molto per l'ecologia - esordisce il coreografo americano in una esclusiva conferenza stampa proprio dinanzi alla Fontana di Trevi - e che la White House diventi una Green House. "Bothanica" è un work in progress e sono felice che debutti in Italia, dove siamo di casa. Difficile raccontarlo: il tema è la natura, ovvero il rapporto tra uomo e minerali, piante ed animali. Si basa sul ciclo delle quattro stagioni nello spirito di Vivaldi, incominciando dall'inverno. In natura tutti hanno bisogno degli altri: i fiori hanno bisogno degli insetti, degli uccelli e degli esseri umani che li apprezzano. Se non c'è consapevolezza, non proteggeremo la terra. Bisogna capire quanto l'acqua, i fiori, la natura siano importanti. Altrimenti non verranno leggi adeguate in materia. Come sempre nei nostri spettacoli non c'è la logica, se non quella dei sogni. Lo spettacolo è paragonabile a certe poesie brevi di Neruda. Il nostro universo è come un giardino con sorpresa come nei giardini del Rinascimento italiano. Ma il nostro non è solo un appello, anche uno spettacolo divertente, un antidoto evasivo per fuggire dalla realtà ed entrare nel mondo della fantasia e creatività. La colonna sonora è fatta di canti di uccelli e cori di rane. Basta chiudere gli occhi e sembra di stare all'aria aperta».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Trump "passa" il check up: qualche chilo di troppo ma salute eccellente

Tartaruga imprigionata nella plastica nel mare delle Eolie
Sos coccodrillo, da un anno gira con uno pneumatico al collo
Sony lancia il cane robot intelligente: si chiama Aibo