cerca

Conservatori e accademie

Riforma a metà

Luigi XIV fondò l'Ecole des Beaux Arts di Parigi pensando alle Accademie italiane e lo stesso fece Sir Joshua Reynolds che si ispirò all'Accademia di San Luca (ovvero quella pontificia di Roma).
Purtroppo, la politica e la burocrazia stanno danneggiando queste strutture che, insieme ai Conservatori di musica, non riescono a vedere compiuta una riforma in senso universitario iniziata esattamente dieci anni or sono, il 3 gennaio 1999, e ancora non perfezionata in barba alla stessa Legge, la 508, che prevedeva un solo anno di transizione per entrare a regime.
Attualmente le Accademie rilasciano diplomi accademici di primo e secondo livello la cui equipollenza a livello universitario non è però ancora definita perché mancano i decreti attuativi della Legge. Né va sottovalutata l'amarezza dei docenti, a cui sono richieste competenze e mansioni didattiche di livello universitario ma che percepiscono ancora uno stipendio inferiore a quello della scuola secondaria.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Incendi, morte e paura: la California devastata dai roghi

Playboy, ecco la villa delle feste di Hefner con le conigliette
Diletta Leotta come non l'avete mai vista
Tutti in delirio per l'arrivo di Silvio Berlusconi alla convention di Fiuggi

Opinioni