cerca

Conservatori e accademie

Riforma a metà

Luigi XIV fondò l'Ecole des Beaux Arts di Parigi pensando alle Accademie italiane e lo stesso fece Sir Joshua Reynolds che si ispirò all'Accademia di San Luca (ovvero quella pontificia di Roma).
Purtroppo, la politica e la burocrazia stanno danneggiando queste strutture che, insieme ai Conservatori di musica, non riescono a vedere compiuta una riforma in senso universitario iniziata esattamente dieci anni or sono, il 3 gennaio 1999, e ancora non perfezionata in barba alla stessa Legge, la 508, che prevedeva un solo anno di transizione per entrare a regime.
Attualmente le Accademie rilasciano diplomi accademici di primo e secondo livello la cui equipollenza a livello universitario non è però ancora definita perché mancano i decreti attuativi della Legge. Né va sottovalutata l'amarezza dei docenti, a cui sono richieste competenze e mansioni didattiche di livello universitario ma che percepiscono ancora uno stipendio inferiore a quello della scuola secondaria.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Il camion dell'Atac blocca il tram. I passeggeri lo spostano a spinta

Victoria's Secret 2017: gli angeli conquistano la Cina
Roma, un Suv impazzito sfonda il muretto e finisce in giardino
A Rio de Janeiro va in scena Miss Bum Bum Premio al sedere più bello

Opinioni