cerca

«Il pettirosso», uno dei brani contenuti nell'ultimo lavoro ...

«Nessuna censura all'artista - dice la Mussolini - ma per il pedofilo non c'è perdono». L'autore non risponde all'invito della commissione e dice che il testo è chiaro: la canzone parla di «umanità, la scopre solo il bambino, che non ha sovrastrutture».
Ma per Pietro Zocconali, presidente dell'Associazione Nazionale Sociologi, «non si può prefigurare una pietas, cristiana o laica che sia, riguardante solo la coscienza di chi soggettivamente ha patito l'onta di una violenza». Antonio Marziale, presidente dell'Osservatorio sui Diritti dei Minori e consulente della commissione, ritiene «singolare che in poche righe ci si possa inoltrare in percorsi talmente intimi e soggettivi, come la pietas cristiana». Per il Moige (Movimento Italiano Genitori) la canzone «tratta la piaga delle pedofilia in maniera ambigua».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Incendi, morte e paura: la California devastata dai roghi

Playboy, ecco la villa delle feste di Hefner con le conigliette
Diletta Leotta come non l'avete mai vista
Tutti in delirio per l'arrivo di Silvio Berlusconi alla convention di Fiuggi

Opinioni