cerca

Una raffinata comedy inglese tra equivoci e ironia

Già apprezzato al festival di Roma, «Easy Virtue» entra senza incertezze nella grande tradizione brillante di Hawks e Wilder, esplorando le conseguenze più intime di una lotta senza fine tra presente e passato, innovazione e rigide manie conservative.
Siamo all'inizio degli anni Trenta: negli States tramonta la Jazz Age e in Inghilterra resiste la calma piatta della vita di campagna, la countryside life. Ma la routine di Mr e Mrs Whittaker (Colin Firth e Kristin Scott Thomas), insieme con quella della loro imbalsamata famiglia, piena di debiti, sarà interrotta dal ritorno dall'estero dell'inquieto primogenito, John (Ben Barnes), accompagnato a sorpresa dalla neo moglie, Larita (Jessica Biel), americana sexy e stravagante quanto basta per mettere in crisi i blasonati genitori. Le riflessioni amare di Coward sulla società vittoriana si trasformano nel film di Elliott in un'arguta irriverenza verso l'ipocrisia, i rituali delle impeccabili buone maniere inglesi, tra gag e battute sottili come lame di coltello. Raffinato e tavolgente, nel ritmo come nelle musiche (con i classici del jazz, il tango e il can can, mixati dal virtuoso lavoro di Marius de Vries, già compositore di «Moulin Rouge»), il film sembra ricalcare l'ironico aforisma di Wilde: gli inglesi hanno veramente tutto in comune con gli americani, tranne la lingua.
Sprecato è invece l'utilizzo di un grande attore comico come Kris Marshall (nel ruolo del maggiordomo), che appare in troppe poche scene.
Din. Dis.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Il tavolo per rilanciare Roma inizia tra le proteste

La straordinaria danza dei delfini al largo di Capri
Incendi, morte e paura: la California devastata dai roghi
Playboy, ecco la villa delle feste di Hefner con le conigliette

Opinioni