cerca

Il «fenomeno» Allevi: il trionfo della superficialità in musica

È altrettanto evidente che il fenomeno Allevi, senza nulla togliere alla sua buona fede, sia anche frutto di una sapiente campagna di marketing. Il suo linguaggio è molto gradevole e facilmente comprensibile. È un linguaggio che "arriva direttamente", che tocca il lato sentimentale di una società malata di sentimentalismo. Una società in cui è bello ciò che emoziona immediatamente, ciò che, da subito, provoca un brivido lungo la schiena, stimolando le corde più superficiali dell'anima. In questo senso la musica di Allevi piace ed è scritta con sapienza. Insomma, ha una sua personalissima dignità se non pretende di essere, come spesso proprio lui sembra farci intendere, musica destinata a rivoluzionare il panorama musicale contemporaneo.
Il futuro della musica contemporanea, dunque, sta nella capacità del compositore di essere comprensibile, ma al tempo stesso di saper condurre l'ascoltatore al di là della superficialità.
Cristian Carrara
Compositore

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Acrobazie e show a Il Tempo: ecco gli Harlem Globetrotters

Urla e scappa, poi accoltella il poliziotto: attimi di paura in via Appia a Roma
"La mia Lazio da Champions ma gli arbitri...", intervista esclusiva a Ciro Immobile
Trump "passa" il check up: qualche chilo di troppo ma salute eccellente