cerca

I giornalisti sgomitano Anche a teatro

Come mai questa "invasione di palco"? Crisi del teatro che rincorre la tv in ogni modo? Crisi del giornalismo che si confonde con lo spettacolo? O puro sfrenato narcisismo?

***


Stanno terminando due importanti anniversari. Quello di Cesare Pavese, nato nel 1908, e di Osip Mandel'stam, grande poeta russo, scomparso nei Gulag staliniani, nel '38, settant'anni fa. Vi pare di aver sentito qualcosa? Al di là di qualche lodevole convegno e delle buone iniziative del centro pavesiano di Santo Stefano Belbo, e di qualche sparuta lettura, avete visto mobilitarsi intellettuali orgogliosamente di sinistra in discussioni e in revisioni? Avete visto narratori e poeti interrogarsi e interrogare la società e la cultura? Tsk tsk le polemiche, le riflessioni che danno visibilità sui giornali e in tv (o nei teatri, vedi sopra)...

***


Meritoria Adelphi ci propone le Opere della gran poetessa W. Szymborska. Un po' carucce a 70 euro ma ok, passi. Quello che è un po' strano è lo "strillo" con cui le presentano sui media. "Un'inarrivabile maestra" firmato Franco Marcoaldi. Ecco, F. M. è simpatico, ma se fosse pure un buonissimo poeta capiremmo il presunto botto della sua affermazione...Diversamente...
L'Orlando Curioso

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

Degrado capitale, la stazione Termini è un gabinetto a cielo aperto VIDEO

La cassanata definitiva: "Ci ho ripensato, continuo a giocare"
Dopo le liti in tv relax al mare: Adriana Volpe in versione sirenetta
Roma, in viaggio seduti sul paraurti Così strappano un passaggio al tram

Opinioni