cerca

È morto Carlo Caracciolo, principe dell'editoria


Una vicenda che iniziò con un colpo di fortuna: era il 1956 quando Adriano Olivetti cedette a titolo gratuito le azioni dell'Espresso all'appena trentenne Caracciolo, fino a quel momento coinvolto solo nella gestione pubblicitaria della rivista. Il principe divenne così azionista di maggioranza della società e più di vent'anni dopo, insieme all'amico Eugenio Scalfari, diede forma e sostanza al progetto di un nuovo quotidiano: La Repubblica.
Caracciolo descriveva se stesso con grande ironia; scherzava sui titoli nobiliari; parlava in modo aperto della passione per le donne e delle sue idee politiche. Un capitolo a parte merita l'amicizia di una vita con Gianni Agnelli: un rapporto intenso andato oltre il legame familiare. La sorella di Carlo, Marella, sposò infatti l'Avvocato nel 1953.
Aveva una passione infinita per il mondo dei giornali: l'ultima sfida, a gennaio del 2007, quando acquistò il 33,3% del quotidiano francese «Liberation».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Tartaruga imprigionata nella plastica nel mare delle Eolie

Sos coccodrillo, da un anno gira con uno pneumatico al collo
Sony lancia il cane robot intelligente: si chiama Aibo
Il camion dell'Atac blocca il tram.  I passeggeri lo spostano a spinta

Opinioni