cerca

IO NON CI CASCO, di Pasquale Falcone, con Maurizio ...


La sua ragazza, invece, che sta aspettando un figlio da lui, pensa di abortire, mentre i compagni di scuola si avvicendano attorno al suo letto, in gruppo o a turno, per favorire il suo risveglio, arrivando a portargli in camera un noto d.j. già contattato a suo tempo per una festa scolastica.
In mezzo a loro ce ne è uno che teorizza sull'eutanasia e ce n'è un altro, al contrario, che scrive poesie inneggianti alla vita.
Non manca un colpo di scena che, pur vistoso, non ha molta logica e non mancano le solite pagine sugli svaghi degli studenti, tra musiche, canzoni e danze...
Il regista, autore anche del testo, è Pasquale Falcone. Con buone intenzioni, con un certo disegno attento dei principali caratteri, specie di quelli degli adulti, ma il suo racconto, che poteva essere lineare e semplice, si infittisce ad ogni svolta dei temi più svariati, l'aborto, appunto, l'eutanasia, inserendoli a fatica tra le pieghe di una storia che, pur con quelli, finisce per essere solo statistica anche quando inutilmente la ravviva il più gratuito dei colpi di scena.
Comunque quella situazione di personaggio in coma, pur ripresa scopertamente da altre all'ordine del giorno, sullo schermo ha tratti di una certa originalità e quell'avvicendarsi attorno di generosi adolescenti non manca di colore.
Specie perché li interpretano, con facce scelte bene, degli esordienti sempre piuttosto plausibili. Affiancati comunque con più concreti risultati da attori noti, sia pure in parti di fianco: Ornella Muti, un'insegnante comprensiva e moderna, Maria Grazia Cucinotta, qui anche produttrice, nei panni di un'infermiera, e Maurizio Casagrande, un chirurgo burbero solo in apparenza.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Degrado capitale, la stazione Termini è un gabinetto a cielo aperto VIDEO

La cassanata definitiva: "Ci ho ripensato, continuo a giocare"
Dopo le liti in tv relax al mare: Adriana Volpe in versione sirenetta
Roma, in viaggio seduti sul paraurti Così strappano un passaggio al tram

Opinioni