cerca

MARIO IL MAGO di Tamás Almási,

MARIO IL MAGO di Tamás Almási,

Mario il mago

Il film è ungherese e siamo in Ungheria negli anni in cui, caduto il Muro a Berlino, era appena caduto a Budapest il regime comunista. Un tranquillo paesino rurale, uomini al lavoro, le donne in casa, intente a faccende domestiche. Il clima cambia con l'arrivo di una ditta italiana che, dando lì il via ad una fabbrichetta di scarpe, vi impiega una quarantina di donne, subito soddisfatte per la novità. La più soddisfatta è Veronica, sposata con figli, specialmente quando il proprietario della fabbrica, un certo Mario, viene personalmente a dirigere l'impresa trattando tutte quelle donne con tale riguardo che lei non tarda a credersi preferita alle altre e anzi addirittura amata. Finendo per innamorarsi quasi ossessivamente di lui, nella convinzione crescente di essere ricambiata. Quando capirà di essersi sbagliata, esploderà il dramma. La soluzione, nel finale, ce la proporranno, ma in modo scopertamente contraddittorio, le dicerie dei pettegoli del paesino, rimasti a commentare i fatti.
Sembra che si tratti di fatti realmente accaduti. Il regista ungherese Tamás Almási, noto soprattutto nel settore dei documentari, li ha svolti con accenti di cronaca, puntando molte delle sue carte su quel personaggio di donna al centro che presto, scambiando i propri sogni per la realtà, finisce per perdersi in un mondo tutto suo da cui il risveglio sarà a dir poco disperante. Non del tutto, però, nel personaggio e nelle situazioni che lo serrano da vicino, può dirsi veramente compiuto, con una rischio di inespresso che finisce per pesare su tutta la vicenda, sminuendone la vitalità drammatica.
Gli interpreti principali tuttavia, riescono a convincere, specialmente Franco Nero, serio, severo, contegnoso nel personaggio di Mario, che probabilmente ha in affari mira diverse da quelle che appaiono, ma ai sentimenti che Veronica gli presta è del tutto estraneo. Come Veronica c'è un'attrice ungherese, Júlia Nyakó, senza fascino ma, nel dolore, plausibile.

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Degrado capitale, la stazione Termini è un gabinetto a cielo aperto VIDEO

La cassanata definitiva: "Ci ho ripensato, continuo a giocare"
Dopo le liti in tv relax al mare: Adriana Volpe in versione sirenetta
Roma, in viaggio seduti sul paraurti Così strappano un passaggio al tram

Opinioni