cerca

Ranieri: «I tagli? Meglio a noi che agli operai»


Massimo Ranieri, a lei, famoso cantante, il premio per il teatro...
«Mi danno il premio proprio ora che di teatro non ne faccio più, meglio tardi che mai. Comunque è un premio meraviglioso, intitolato a Vittorio De Sica, un personaggio grandissimo. È grazie a lui se oggi canto le canzoni napoletane. Ricevere il premio intitolato a De Sica da un presidente napoletano è proprio una grande emozione».
Lei si sente tanto napoletano?
«Anche se sono romano di adozione, Napoli resta la mia città».
E dei «tagli» allo spettacolo, che pensa?
«Facciamo un mestiere terziario, è normale che in un momento di crisi i tagli del governo vadano al teatro e al cinema. Certo non si possono tagliare gli stipendi agli operai».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Il tavolo per rilanciare Roma inizia tra le proteste

La straordinaria danza dei delfini al largo di Capri
Incendi, morte e paura: la California devastata dai roghi
Playboy, ecco la villa delle feste di Hefner con le conigliette

Opinioni