cerca

«The Orphanage» tra incubi e fantasmi

L'horror, prodotto da Guillermo Del Toro con un budget di 3 milioni di euro, ha già vinto 7 Goya nel suo Paese dove ha incassato la cifra record di 25 milioni di euro ed è ora in corsa per gli Efa (gli Oscar europei) in ben 4 categorie. La pellicola vede al suo esordio, oltre al regista, anche il direttore della fotografia, il montatore e il direttore degli effetti speciali.
Bayona è l'ultimo anello di una tradizione fantasy-horror iberica che trova le sue radici in «La Residencia» di Narciso Ibànez Serrador o in «Lo spirito dell'alveare» di Victor Erice.
«Sono stato molto influenzato dai classici dell'horror spagnolo, come "The Others" di Amenabar o "La Residencia" - ha detto Bayona, ieri a Roma -. Del film di Erice, che raccontava storie di fantasmi, mi sono ispirato invece alle sue atmosfere: nel ruolo della medium ho scelto Geraldine Chaplin per creare un ponte con le pellicole del passato che hanno segnato la mia formazione. Ma la mia fortuna è stata conoscere Del Toro: mi sono spacciato giornalista per incontrarlo e da allora lui ha sempre apprezzato le mie idee. Intanto, sto preparando un film hollywoodiano anche se non mi staccherò mai dal mio Paese: s'intitola "Hater", è basato sul libro di David Moody e prodotto ancora una volta da Del Toro, che inizialmente avrebbe dovuto anche girarlo. Si tratta di un racconto apocalittico su un'improvvisa epidemia di odio che coinvolgerà i cittadini, in una sorta di furiosa ribellione alle paure perpetrate dal governo americano».

Commenti

Condividi le tue opinioni su Il Tempo

Caratteri rimanenti: 1500

.tv

Trump "passa" il check up: qualche chilo di troppo ma salute eccellente

Tartaruga imprigionata nella plastica nel mare delle Eolie
Sos coccodrillo, da un anno gira con uno pneumatico al collo
Sony lancia il cane robot intelligente: si chiama Aibo